Pescara, pestaggio per rubare un telefonino: arrestati tre giovani, uno di loro esaltava sui social i protagonisti di «Gomorra»

Sabato 17 Marzo 2018
1
Avevano aggredito e rapinato un operaio di 23 anni, colpendolo selvaggiamente solo per rubargli il telefonino. Ora, gli investigatori hanno chiuso il cerchio sul pestaggio, commesso lo scorso 8 marzo a Nocciano (Pescara). I carabinieri della Stazione di Catignano hanno identificato e arrestato i tre presunti responsabili dell'aggressione. Ai domiciliari sono finiti un 19enne di Nocciano e due fratelli di Alanno, di 19 e 20 anni. Le ordinanze sono state emesse dal gip del Tribunale di Pescara su richiesta del pm Anna Benigni.

La vittima dell'aggressione fu salvata da un automobilista di passaggio che, suonando il clacson, mise in fuga i rapinatori. Nel profilo Facebook di uno degli arrestati sono stati trovati alcuni post in cui si esaltavano i personaggi della serie televisiva «Gomorra». La vittima, dopo essere stata avvicinata da uno degli aggressori in una piazzetta di Nocciano, è stata raggiunta da altri due ragazzi che l'hanno scaraventata a terra picchiandola con calci, pugni, e utilizzando anche due chiavi da meccanico. Il tutto per rubarle il cellulare. Dalle indagini è emerso che, dietro la rapina, c'erano anche rancori e banali conflitti tra gli indagati e l'operaio.
Ultimo aggiornamento: 18 Marzo, 11:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA