Vedova 74enne violentata in casa: «È stato un immigrato»

Lunedì 3 Settembre 2018 di Mary Liguori
37
Vedova 74enne violentata in casa: «È stato un immigrato»
Orrore a Castel Volturno dove, in nottata, una vedova di 74 anni sarebbe stata violentata da un immigrato.
La donna ha chiamato il 113 subito dopo l'aggressione, poi è stata ricoverata in clinica a Castel Volturno, dove è tutt'ora sotto osservazione. Agli agenti ha riferito di essere stata stuprata da un uomo di nazionalità straniera. In casa della donna la polizia ha trovato diverse tracce ematiche. L'anziana, al momento dell'arrivo in ospedale, era in forte stato confusionale. Secondo quanto trapelato non è in pericolo di vita. Indaga la polizia, coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, diretta da Maria Antonietta Troncone.

Ira del sindacato polizia. «Ancora una violenza sessuale eseguita da persona non identificata, questa volta, a danno di un'anziana. La presunta violenza si sarebbe verificata presso l'abitazione dell'anziana, a Pescopagano Castel Volturno (Caserta) e la vittima ha trovato la forza di chiamare il 113 e prontamente è stato inviato personale della Polizia di Stato che ha predisposto l'accompagnamento dell'anziana in ospedale. Sull'accaduto sono in corso le indagini da parte della Questura di Caserta». È il Libero Sindacato di Polizia (Li.Si.Po.) a riferirlo e presidente Nazionale Antonio de Lieto ha dichiarato che «la violenza sessuale sembra essere diventata una moda. È necessario intervenire senza lungaggini ed al riguardo per il reato di abuso di violenza sessuale, a nostro avviso, sarebbe opportuno prevedere una pena esemplare: la »castrazione chimica« senza se e senza ma. Il LI.SI.PO. - ha concluso de Lieto - è certo che questo Governo saprà apportare quei necessari correttivi atti a restituire la sacrosanta tranquillità a tutte le donne che, per svariati motivi, si trovano da sole in casa o a doversi spostare lungo le strade della propria città». Ultimo aggiornamento: 5 Settembre, 19:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Le case sequestrate ai Casamonica, tra fiction e realtà

Colloquio di Alvaro Moretti e Ernesto Menicucci