Vedova 74enne violentata in casa: «È stato un immigrato»

Vedova 74enne violentata in casa: «È stato un immigrato»
di Mary Liguori
Orrore a Castel Volturno dove, in nottata, una vedova di 74 anni sarebbe stata violentata da un immigrato.
La donna ha chiamato il 113 subito dopo l'aggressione, poi è stata ricoverata in clinica a Castel Volturno, dove è tutt'ora sotto osservazione. Agli agenti ha riferito di essere stata stuprata da un uomo di nazionalità straniera. In casa della donna la polizia ha trovato diverse tracce ematiche. L'anziana, al momento dell'arrivo in ospedale, era in forte stato confusionale. Secondo quanto trapelato non è in pericolo di vita. Indaga la polizia, coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, diretta da Maria Antonietta Troncone.

Ira del sindacato polizia. «Ancora una violenza sessuale eseguita da persona non identificata, questa volta, a danno di un'anziana. La presunta violenza si sarebbe verificata presso l'abitazione dell'anziana, a Pescopagano Castel Volturno (Caserta) e la vittima ha trovato la forza di chiamare il 113 e prontamente è stato inviato personale della Polizia di Stato che ha predisposto l'accompagnamento dell'anziana in ospedale. Sull'accaduto sono in corso le indagini da parte della Questura di Caserta». È il Libero Sindacato di Polizia (Li.Si.Po.) a riferirlo e presidente Nazionale Antonio de Lieto ha dichiarato che «la violenza sessuale sembra essere diventata una moda. È necessario intervenire senza lungaggini ed al riguardo per il reato di abuso di violenza sessuale, a nostro avviso, sarebbe opportuno prevedere una pena esemplare: la »castrazione chimica« senza se e senza ma. Il LI.SI.PO. - ha concluso de Lieto - è certo che questo Governo saprà apportare quei necessari correttivi atti a restituire la sacrosanta tranquillità a tutte le donne che, per svariati motivi, si trovano da sole in casa o a doversi spostare lungo le strade della propria città».
Lunedì 3 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 05-09-2018 19:21

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 37 commenti presenti
2018-09-05 08:34:55
Per questa gentaglia con istinti bestiali incontenibili proporrei nei centri di accoglienza l'istituzione di una "zona hot" con bambole gonfiabili dove sfogare tutte le loro perversioni almeno lasciano in pace noi donne.... I buonisti non mi vengano a dire che servono pure per gli italiani perchè ci sono già, a Torino proprio l'altro giorno hanno inagurato una casa di appuntamenti con sex dolls, quindi..........
2018-09-04 17:31:57
Quando sono nei barconi sono raffigurati come povera gente, per lo più mamme e bambini al seguito. E va bene. Poi con cadenza continua ed ininterrotta, l'accoglienza si trasforma e diventa un incubo per tante vittime incolpevoli. Ricorrenti episodi di delinquenza con protagonisti e carnefici i troppi immigrati adulti senza controllo e spesso con foglio di espulsione. A chi fa comodo questa situazione, chi ci lucra, chi spinge facendola passare per un problema umanitario? insomma c'è un nuovo ordine mondiale, teso a rendere impossibile la vita delle persone dalle nostre parti e che coinvolge gli stessi immigrati in buona fede, cacciati dalle loro terre per lucro, ovvero dalle stesse multinazionali che fanno tanta propaganda dell'accoglienza. Spero che se parli più spesso, tra l'altro il razzismo è un comodo paravento per fare meglio gli affari.
2018-09-04 15:54:38
Adesso vorrei sapere dove sono Martina, Boschi e Boldini.. Ancora sulla nave diciotti a sfilare? E Fico che dice?
2018-09-04 15:13:58
In 25 anni ci hanno fatto subire stupri e rapine da romeni e albanesi, negando le evidenze.....ora dagli africani! Ma siamo carne venduta? Che cavolo di stato abbiamo?
2018-09-04 15:11:31
Vi dirò di più: non bisogna aspettare che questa gente cada nelle maglie della giustizia, perchè ormai il danno al cittadino è fatto! Bisogna sapere chi ci mettiamo in casa e tutti gli altri fuori dalle scatole!
37
  • 11,5 mila
QUICKMAP