Studentessa 18enne violentata in classe a Parma da un compagno. «Altri due guardavano»

Mercoledì 6 Giugno 2018
19
Studentessa 18enne violentata in classe da un compagno. «Altri due guardavano»

Tutto sembrava essere cominciato come uno scherzo, poi, però, le attenzioni si sono trasformate in una violenza sessuale. Consumata, per di più, fra le aule di una scuola, un istituto tecnico di Parma. È l'incubo, durato più di venti interminabili minuti, che una studentessa di 18 anni ha raccontato prima alla preside e poi ai carabinieri. È successo lunedì, poco dopo mezzogiorno. Anche se l'anno scolastico non è ancora finito, in quel momento la scuola parmigiana era semivuota, visto che molti ragazzi sono impegnati in attività extra-scolastiche.

Tra i pochi studenti presenti anche la ragazza, appena 18enne, che con due compagni di classe ha trascorso la mattina in classe, con un'insegnante. Quando la lezione è finita i tre, in aula, sono stati raggiunti da quello che è stato denunciato come l'autore della violenza, un 19enne, di origine straniera, che non era mai stato individuato dalla scuola come un soggetto a rischio. Prima le avrebbe strappato di mano il cellulare, poi l'avrebbe immobilizzata, quindi provato a baciarla. A quel punto l'aggressione sessuale. Secondo la denuncia della ragazza, si è fermato solo dopo venti minuti, di fronte ai ripetuti no che lei gli ha urlato in faccia, l'ha liberata e se n'è andato. I due ragazzi che erano con lei avrebbero solo detto all'aggressore di fermarsi, ma senza intervenire.

La ragazza, dopo aver raccontato tutto alla preside, è andata, da sola, in una caserma dei carabinieri lì vicina, per cercare protezione, ma anche per invocare una punizione per il suo aggressore. Ha raccontato, nei dettagli, quello che è successo: lei ha cercato di fermarlo e gli ha ripetuto insistentemente di smetterla. Lui non l'ha ascoltata, nessuno l'ha sentita o, se l'ha sentita, è intervenuto per aiutarla. Lui si è fermato solo dopo venti minuti di aggressione, scoraggiato solo dalla fermezza della ragazza, più che dal timore di essere scoperto o di essere fermato da altri. I carabinieri stanno facendo indagini e sentendo alcuni dei giovani testimoni per trovare riscontri al racconto della studentessa.

Per ora non sono arrivati provvedimenti che, verosimilmente, non arriveranno prima di qualche giorno. Dopo la denuncia la ragazza è tornata a casa per mettere al corrente del fatto anche i genitori. «Sono molto vicina - ha detto alla Gazzetta di Parma la preside dell'istituto parmigiano - alla studentessa ed alla sua famiglia. Stiamo facendo tutti gli accertamenti del caso e prenderemo i dovuti provvedimenti nei confronti di tutti i responsabili. L'istituto è sempre stato in prima linea nel portare avanti i valori di rispetto e tutela delle persone, come abbiamo fatto con le assemblee d'Istituto con Lucia Annibali e tanti altri momenti di questo tipo che hanno sempre cercato di coinvolgere i ragazzi. Proprio per questo siamo i primi a sentirci feriti».

Ultimo aggiornamento: 8 Giugno, 10:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Book crossing”, a Roma a volte non funziona

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma