Napoli, parcheggiatore abusivo filmato mentre sfregia l'auto dei turisti

Sabato 23 Settembre 2017
42

Turisti stranieri negano soldi a un parcheggiatore abusivo e lui rovina la loro vettura. Le vittime denunciano, ma prima - per essere sicuri - fotografano l’estorsore. E i carabinieri lo arrestano.
 

Protagonisti della vicenda quattro ragazzi stranieri, a  Napoli per turismo e studio. Si tratta di un finlandese, un tedesco, uno spagnolo e un olandese che hanno preso alloggio in un B&B nei pressi del vicoletto Zuroli. E, nel pomeriggio, parcheggiano la loro vettura in piazza museo Filangieri. Mentre raggiungono con i bagagli il B&B vengono avvicinati dall'uomo, calvo, che chiede loro dei soldi per il parcheggio. Dicono che non intendono pagare, ma quello insiste con toni e atteggiamento sempre più minacciosi. Desiste quando i ragazzi gli dicono che sosteranno per poco.

Entrano in albergo, posano i bagagli, fanno un giro per la città e rientrano. Il mattino dopo vogliono proseguire il giro turistico e vanno a riprendere la vettura. Accanto c'è l'uomo, quello che aveva chiesto i soldi. Li guarda beffardo e con l’indice della destra fa roteare un mazzo di chiavi attaccate a una catenella.

I ragazzi si accorgono che le fiancate della vettura sono rovinate da varie rigature. Mentre i giovani guardano i danni lui dice: «Sì, sì, per poco...», poi si allontana, sicuro di restare impunito. Ma i ragazzi lo fotografano con lo smartphone e poi vanno dai carabinieri che lo bloccano e lo sottopongono a perquisizione. In una borsetta a tracolla ci sono le chiavi con catenella, verosimilmente, usata per rigare la vettura, le sequestrano.

A seguito della denuncia presentata dai quattro turisti, i carabinieri della stazione Stella lo arrestano per tentata estorsione e danneggiamento. Si tratta di Domenico Leva, un 54enne di via Donnaregina, portato a Poggioreale.

Ultimo aggiornamento: 24 Settembre, 20:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Una mattina in ospedale a leggere libri ai bimbi malati

di Pietro Piovani