Padova, nel cimitero spuntano cartelli discriminatori: «Zone per defunti indigenti». Il sindaco: «Subito rimossi»

Giovedì 23 Novembre 2017
11
Sono stati rimossi, per ordine del sindaco Loredana Borghesan, dopo le proteste, i cartelli 'discriminatorì nel cimitero comunale di Montagnana che indicavano specificatamente le zone destinate ai defunti indigenti. «La scelta di posizionare cartelli di delimitazione dei campi di inumazione - spiega il sindaco - è stata quanto mai inappropriata. Denuncia una carenza di sensibilità che non è condivisibile o giustificabile in alcun modo. Se gli uffici comunali o gli amministratori fossero stati a conoscenza di questa azione - precisa - l'avrebbero senz'altro fermata in tempo. Non è mai stato nelle nostre intenzioni creare zone di serie A o di serie B, tanto meno nei nostri cimiteri».

Borghesan si dice amareggiata per questa «azione discriminatoria, che è dovuta ad una scelta operata in modo del tutto autonomo dalla ditta aggiudicatrice dell'appalto» che gestisce i lavori di ampliamento, manutenzione e gestione del cimitero. Così, di sua iniziativa, la ditta ha diviso le aree del camposanto con cartelli su alcuni dei quali si leggeva 'Campo inumazione speciale per indigentì. Un cittadino si è risentito e ha postato la foto su un social, mentre la minoranza politica in Comune si è inalberata chiedendo l'immediata rimozione. Richiesta accolta dal sindaco che ha chiamato i responsabili della ditta chiedendo loro spiegazioni.

«Stiamo predisponendo una lettera di richiamo - sottolinea Borghesan -, per evitare che altri episodi del genere possano verificarsi a nostra insaputa. La ditta si è scusata dell'accaduto, dimostrando sincero rammarico. Evidentemente - conclude - l'aspetto operativo di efficienza legato ai lavori non deve far dimenticare a chi dirige o lavora nel cantiere che ci troviamo in un Camposanto. Pietà, rispetto e dignità devono essere riservati ai vivi e ai defunti con uguale sensibilità».
Ultimo aggiornamento: 24 Novembre, 16:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

I lucchetti di Ponte Milvio si aprono con le chiavi di Villa Pamphili

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma