Bimbo di 4 anni punto da una siringa mentre giocava al parco: ha l'epatite B

Domenica 28 Settembre 2014
Era il 15 giugno scorso, un bimbo di 4 anni giocava al parco d'Europa di via Venezia, a Padova, quando all'improvviso si è punto con una siringa, lasciata in un cespuglio da un tossicodipendente.



L'apprensione della famiglia, purtroppo, era più che fondata: è arrivato, infatti, il responso delle analisi e ora, per il bimbo e i suoi genitori inizierà un vero e proprio incubo.



Il padre è andato a ritirare le analisi del sangue e ha scoperto che il figlio ha contratto l’epatite B. «Siamo disperati - ha commentato il genitore - E non è finita, perchè mio figlio deve ripetere gli esami per scongiurare l’Hiv. Ora sto cercando un avvocato per fare causa al Comune» Ultimo aggiornamento: 29 Settembre, 18:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma