Terremoto, a Norcia crollate la basilica di San Benedetto e la concattedrale di Santa Maria

Domenica 30 Ottobre 2016
La scossa di terremoto delle 7.40 di stamani ha causato il crollo della basilica di San Benedetto a Norcia e della concattedrale di Santa Maria Argentea, gioielli dell'Italia centrale che avevano resistito al sisma del 24 agosto e principali edifici di culto della diocesi di Norcia-Spoleto. «È come se fosse venuta giù la città...», ha detto l'assessore comunale di Norcia Giuseppina Perla. Che ha parlato di crolli diffusi a case e chiese del centro umbro. Al momento non risultano persone coinvolte.

Sono «notizie drammatiche» quelle che stanno giungendo da Norcia alla presidente della Regione Catiuscia Marini. La presidente sta raggiungendo il centro di Protezione civile di Foligno per seguire la situazione. I vigili del fuoco parlano di un quadro ancora non chiaro ma di polvere vista alzarsi a Norcia, Cascia e Preci. 

La foto drammatica della Basilica San Benedetto a Norcia distrutta diventa il simbolo della tragedia che sta colpendo il Paese, campeggiando su moltissimi siti dei media internazionali. Bbc e Cnn la mettono in apertura, così come lo spagnolo El Pais, il Teleraph o Russia Today. Anche l'Abc mostra la foto in apertura del suo sito, accompagnata da un'altra immagine della Basilica prima del sisma, mentre il Daily Star apre con un video del crollo di San Benedetto.

Sono numerosi gli abitati di Norcia che in queste ore si stanno organizzando per lasciare la città colpita dal terremoto. Il centro storico è praticamente tutto zona rossa. Interrotta anche l'erogazione di gas, luce ed acqua. Ancora diverse le scosse che vengono avvertite nitidamente. Lungo la strada che conduce al centro della Valnerina si incontrano auto di persone con beni di prima necessità portati via dalle case che si allontanano. Affollato di soccorritori il piazzale antistante il centro operativo comunale.




  Ultimo aggiornamento: 14:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti