Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Treviso, bimbo in ospedale in fin di vita: padre indagato per maltrattamenti

Treviso, bimbo in ospedale in fin di vita: padre indagato per maltrattamenti
di Manuela Collodet
1 Minuto di Lettura
Lunedì 18 Aprile 2016, 10:24 - Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 08:48

Una costola rotta e tanti misteri. Il padre del bimbo di Montebelluna ricoverato d’urgenza a Padova sarebbe formalmente indagato per maltrattamenti e sottoposto a una misura restrittiva: può vedere il figlioletto solo un’ora la domenica. E a fine mese ci sarà l’udienza al tribunale dei minori di Venezia nella quale i genitori del neonato (che ora ha tre mesi), una coppia di 30enni originari del Quartier del Piave, hanno deciso di far valere le loro ragioni. 

La storia ha tanti lati oscuri. Quel che è certo è che un mese e mezzo fa il piccolo arriva al pronto soccorso di Montebelluna in condizioni disperate, quasi in arresto cardiocircolatorio. Tanto che viene disposto l’immediato trasferimento all’ospedale di Padova, dove è stato ricoverato nella terapia intensiva del Dipartimento di Pediatria. Gli viene riscontrato il classico principio di annegamento con acqua nei polmoni ed emolisi, cioè distruzione dei globuli rossi. Ma la famiglia nega con forza che ci sia stato qualsiasi contatto con l’acqua.

© RIPRODUZIONE RISERVATA