Uccise poliziotto a Marrakech nel 2002, arrestato a Napoli: il marocchino sarà estradato

Ai Carabinieri ha esibito documenti falsi con le generalità di un suo connazionale ma è stato scoperto e identificato mediante la rilevazione delle impronte. E' accaduto a Napoli, e si sono chiuse dopo 16 anni le indagini internazionali partite nel 2002. L'uomo arrestato a Napoli aveva ucciso un poliziotto a Marrakech e per questo, su di lui, pendeva un provvedimento della Corte di appello della città marocchina. Era nel capoluogo campano: circolava con documenti falsi, viaggiava su un'auto con targa lituana e ha insospettito una pattuglia di carabinieri del Nucleo radiomobile di Napoli. Controlli che hanno fatto scattare il suo arresto.

A finire in manette un 45enne magrebino. Emersa la sua vera identità è velocemente venuto fuori che sul 45enne pendeva il provvedimento emesso dalla Corte di Appello di Marrakech. L'uomo è stato, quindi, tratto in arresto ai fini dell'estradizione nonché per essersi reso responsabile di sostituzione di persona, falsa dichiarazione a un pubblico ufficiale, possesso di documenti di identificazione falsi e ricettazione.
Lunedì 25 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 26-06-2018 11:58

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-06-25 20:36:46
vanno rimpatriate tutte queste facce da galera. C'è da aver paura ad andare in giro a certi orari con questi primati balordi in branchi
2018-06-25 19:39:02
Magari fosse vero che i delinquenti tornino alla terra natia!
2018-06-25 18:18:46
C'hanno messo 16 anni per trovare questo incivile assassino...! Dove poteva rifugiarsi...In italia...! Ormai , quando cercano qualcuno vanno direttamente in Italia .Il paese dove non vengono applicate leggi ,non ci sono pene severe e certezza della pena.Veramente non ci sono neanche carceri , per accogliere tutti questi criminali provenienti da ogni parte del mondo..! In qualcosa Siamo unici : nel turismo dei criminali...ahahah.
2018-06-25 18:17:22
Si era sistemato bene il compare! E tutti i beccaccioni dei cattocomunisti e radicale chic che ancora credono alla favoletta dei perseguitati.....
2018-06-25 16:50:22
E ti pareva che non era venuto a svernare dale nostre parti e a spese nostre
QUICKMAP