Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Monza, avvelenata dagli escrementi di piccione: donna in coma

Monza, avvelenata dagli escrementi di piccione: donna in coma
1 Minuto di Lettura
Sabato 30 Settembre 2017, 19:56 - Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre, 14:27
Sarebbe stata una «esposizione prolungata» al tallio, elemento contenuto negli escrementi di piccione, la causa per cui una donna di 62 anni di Nova Milanese è stata ricoverata in coma per avvelenamento all'ospedale di Desio insieme alla sorella di 58 anni.

In un primo tempo i medici avevano pensato che la causa dell'avvelenamento delle due donne fosse un topicida, che le due donne tenevano evidentemente in casa a Nova Milanese. Il tallio, infatti, è una sostanza contenuta in alcuni topicidi. Analisi più approfondite da parte di carabinieri di Desio, su input della direzione sanitaria, hanno consentito di accertare, però, che le due donne erano state per un periodo prolungato in una casa-vacanze di famiglia, in campagna in provincia di Udine, nel cui fienile stazionano decine e decine di piccioni. I responsabili sanitari hanno riferito che il tallio si trova anche negli escrementi di piccione. Le esalazioni, inalate per un tempo prolungato, potrebbero essere state la causa dell'avvelenamento delle due donne.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA