ROMA

Mondo di mezzo, la requisitoria del pg: «Associazione mafiosa con capo Carminati»

Martedì 20 Marzo 2018
La sentenza di primo grado su Mondo di mezzo

«La sentenza di primo grado è stata un'operazione notarile. Adesso invece va riconosciuto che il "Mondo di Mezzo" è mafia e il capo dell'organizzazione era Massimo Carminati».

Così il pg Pietro Catalani questa mattina durante la sua requisitoria nel processo di appello "Mafia Capitale" nell'aula bunker di Rebibbia, in cui compaiono 43 imputati tra cui l'ex Nar Carminati e l'ex ras delle cooperative romane, Salvatore Buzzi. «Ci possono essere dei comparti diversi, ma resta il vertice e la direzione» ha aggiunto. Per il pg, Buzzi e Carminati «sono uomini intelligenti, che sanno cosa fare. Buzzi non parla di Carminati eppure grazie alle sue parole sono stati condannati due alti dirigenti come Luca Odevaine e Franco Panzironi. Di fronte a Carminati però tace. A nostro parere è un esempio della omertà intrinseca tipica delle organizzazioni mafiose».

La requisitoria dei pm durerà almeno altre due udienze nelle quali si alterneranno i pg Catalani e Antonio Sensale e il pm di Roma, Luca Tescaroli che insieme al procuratore Giuseppe Pignatone e agli aggiunti Paolo Ielo e Giuseppe Cascini ha condotto le indagini e il processo di primo grado.

Ultimo aggiornamento: 21 Marzo, 14:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Under 15, l’approccio in disco benedetto dal like dell’amica

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma