MILANO

Milano, nuovo blitz polizia contro NoExpo: perquisizioni e sequestri quartiere ovest

Mercoledì 29 Aprile 2015

Un nuovo blitz della Digos contro presunti appartenenti all'area No Expo è in corso stamani a Milano.

La Polizia di Stato sta intervenendo nella stessa zona di ieri, nel quartiere Giambellino dove erano state trovate mazze e molotov. Le indagini sono condotte dalla Digos che sta effettuando perquisizioni e controlli.

Altre maschere antigas sono state sequestrate oggi dalla digos nell'ambito del nuovo blitz in via Apuli in vista della manifestazione No Expo prevista il primo maggio. Da quanto trapela, altre persone sono state portate in questura per essere identificate.

Nel corso del blitz in appartamenti occupati abusivamente, a Milano, da attivisti anarchici, sono stati trovati tre tedeschi che fanno parte dei No Expo già identificati ieri e per i quali era stato chiesto un decreto di allontanamento dall'Italia, poi negato. I tre hanno tentato di sbarazzarsi di un borsone con maschere antigas e altro materiale.

Gli uomini della Digos della questura di Milano hanno operato in quattro appartamenti, diversi da quelli già perquisiti ieri, in palazzine popolari in via degli Apuli e via Odazio. All'interno hanno trovato 12 persone, 9 italiani e tre tedeschi, che sono stati denunciati per occupazione abusiva.

In particolare i tre stranieri, uno di 55 anni e due di circa 20-30 anni, alla vista delle pattuglie della polizia hanno cercato di gettare da una finestra due borsoni con dentro cinque maschere antigas, guanti in lattice e colla. le forze del'ordine hanno agito d'iniziativa in base all'Art. ex 41 del Tullps sulle norme in materia di pubblica sicurezza che permette perquisizioni sulla base del sospetto della presenza di armi, oggetti atti a offendere e materiale esplodente.

L'operazione a Milano è «l'ulteriore prova che il sistema di prevenzione funziona. Non è possibile dire che ci sono paesi a rischio zero ma noi abbiamo fatto talmente tanto che alla vigilia di Expo realizziamo un'operazione con cui facciamo capire chiaramente che lo Stato è più forte di chi vuole contrastarlo». Lo ha detto il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, a margine del Salone della Giustizia.

Ultimo aggiornamento: 30 Aprile, 09:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA