MALTEMPO

Sardegna devastata dal maltempo:
scuole e cinque statali chiuse,
14 pastori portati in salvo

Mercoledì 2 Maggio 2018
Sardegna devastata dal maltempo: strade e scuole chiuse, crolli di soffitti e pastori portati in salvo

Ondata di pesante maltempo in Sardegna flagella il Nuorese e la bassa Gallura: cinque statali chiuse, lezioni sospese nelle scuole, pastori tratti in salvo e crolli di calcinacci.

Le zone più colpite sono state la Baronia e Budoni, sulla costa nord orientale della Sardegna. Problemi anche nei territori montani della parte occidentale dell'Isola: 14 pastori sono rimasti bloccati nel territorio di Noragugume, nel Marghin per l'esondazione di un fiume. È stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Macomer che con mezzi pesanti sono andati a soccorrerli nella prima mattinata e a riportarli a casa.

Le squadre dei vigili del fuoco di Siniscola stanno operando a Budoni anche per la verifica sulla stabilità di alcune abitazioni, mentre uno smottamento ha interessato la strada provinciale 61 Atzara-Belvì, nel Mandrolisai. Chiusa la strada precauzionalmente per evitare nuovi incidenti. Le squadre dei Vigili del fuoco sono ancora al lavoro nelle zone più colpite di tutta la provincia dove sta continuando a piovere.

Nell'Oristanese, a causa dell'esondazione del rio Majore e del rio Mannutra tra Siamanna e Siapiccia le strade sono allagate e diverse aziende e case di campagna sono rimaste isolate. Chiusa anche la strada provinciale che collega i due paesi.

Chiusa inoltre  la strada statale 131 Dcn Diramazione Centrale Nuorese, per l'esondazione del fiume Tirso, con deviazioni al Km 13,000 in direzione Nuoro, e al Km 26,000 in direzione Abbasanta. La strada statale 128 bis Centrale Sarda è chiusa nei pressi di Ozieri al km 30,000 a causa di allagamento. Il traffico è deviato in loco sulla viabilità locale. Sempre a causa di allagamenti, sulla strada statale 125 Orientale Sarda, nel territorio comunale di Budoni, il traffico è deviato sulla viabilità comunale. Dal km 32,500 al km 33,500 è chiusa la strada statale 389 di Budduso e del Correboì a causa dell'esondazione del Rio Mannu con deviazione del traffico sulla viabilità provinciale. Permane inoltre la chiusura della strada statale 200 dell'Anglona a causa di una frana al km 29,000, in località Castelsardo. Le deviazioni sono indicate in loco.

Soffitti crollati, calcinacci a terra, secchi e contenitori per i rifiuti ospedalieri per raccogliere l'acqua nei reparti all'Ospedale Sirai di Carbonia (Su) per effetto delle piogge copiose che da 24 ore stanno cadendo sulla Sardegna Meridionale. La denuncia è del deputato di Forza Italia e coordinatore regionale di Forza Italia Sardegna, Ugo Cappellacci che ha pubblicato sulla sua pagina Facebook alcune immagini degli effetti del maltempo sulla struttura ospedaliera del Sulcis.

«Mentre la Giunta e il suo codazzo piemontese si riempiono la bocca di riforme, la Sanità è un colabrodo e piove perfino nei reparti dell'ospedale Sirai di Carbonia» spiega. «È l'ennesimo esempio dell'incuria e dello sfascio di una politica che ha mortificato la Sanità, introducendo un modello che costa di più per offrire meno servizi e che sacrifica le realtà e le professionalità presenti nel territorio».

LE PREVISIONI
Purtroppo il maltempo continuerà a imperversare in Sardegna fino a sabato, con venti di Maestrale fino a 100 km/h, e maltempo diffuso in tutta Italia: secondo le previsioni del Centro Epson Meteo-Meteo.it il vortice di bassa pressione che accompagna la perturbazione numero 1 di maggio insisterà sull'Italia fino a sabato. «Ci attendono quindi - spiegano - molte piogge, venti a tratti burrascosi anche sulla Sicilia e sullo Ionio e mari agitati. Le giornate più ventose saranno quelle di oggi e domani, poi gradualmente da sabato i venti tenderanno ad attenuarsi». La regione in assoluto più colpita dalle piogge, con rischio nubifragi e forti temporali anche insistenti, sarà la Sardegna, «dove sono quindi attese giornate ad elevata criticità idro-geologica, con accumuli fino a 200 litri su metro quadrato». Caleranno anche le temperature, che quasi dappertutto torneranno su valori normali per il periodo, con la fine quindi del caldo fuori stagione che ha caratterizzato la scorsa settimana. Addirittura nel Nord Italia - concludono i meteorologi di Epson Meteo - oggi e domani le temperature faranno registrare valori per lo più sotto la media stagionale«. Domenica la situazione sarà molto simile ma con precipitazioni meno probabili al Nordest e sulla Sicilia. La prossima settimana inizierà all'insegna di un timido miglioramento, con tempo ancora instabile e con fenomeni possibili nelle ore più calde della giornata a partire dai rilievi.

 

Ultimo aggiornamento: 3 Maggio, 14:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare e lavorare, vita da nomade digitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma