Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il bimbo ha la febbre a 40: mamma preoccupata chiama l'ospedale e viene insultata dall'infermiera

Il bimbo ha la febbre a 40: mamma preoccupata chiama l'ospedale e viene insultata dall'infermiera
di Guido Fraccon
2 Minuti di Lettura
Giovedì 10 Maggio 2018, 14:00 - Ultimo aggiornamento: 17 Maggio, 16:17

ROVIGO - Il reparto di pediatria dell'ospedale ancora al centro di polemiche. A scatenare la vicenda un'infermiera di ostetricia che sembra abbia apostrofato con un termine più pesante del semplice rompiscatole una mamma preoccupata della salute del suo piccolo. 

A portare a galla l'episodio che si è verificato lunedì è stato il nonno del piccolo. «Protesto per il comportamento irrispettoso e non professionale di un'infermiera di Pediatria verso mia figlia - ha spiegato -. Mio nipote che ha 2 anni e mezzo, da qualche giorno aveva febbre alta e non mangiava né beveva. Domenica perciò il bambino è stato portato al Pronto Soccorso ed è stato ricoverato in Pediatria. Lì una dottoressa l'ha visitato e ha prescritto le cure del caso. È stato tenuto in osservazione fino a lunedì mattina quando è stato dimesso nonostante la febbre fosse ancora attorno ai 39. A casa, però, pur con la terapia, la febbre è salita fino ai 40 - ha aggiunto l'uomo -. Mia figlia allora ha telefonato in reparto chiedendo di poter parlare con il medico per un consulto». A quel punto si sarebbe verificato l'episodio increscioso: «Ha risposto un'infermiera che le ha passato una collega - ha specificato il nonno -. Questa, senza curarsi di non farsi sentire, ha esclamato: Dottore, c'è la mamma del bambino dimesso stamattina che rompe i .... La telefonata era in viva voce e abbiamo sentito la conversazione anch'io e mia moglie. Siamo rimasti allibiti. Volevamo riferire l'accaduto al direttore generale ma abbiamo evitato per lo stato di nostro nipote»...



 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA