Allerta Maltempo, Chiavari sott'acqua: ​fango travolge una casa, due morti

Allerta Maltempo, Chiavari sott'acqua: ​fango travolge una casa, due morti
8 Minuti di Lettura
Martedì 11 Novembre 2014, 07:28 - Ultimo aggiornamento: 12 Novembre, 07:40

I vigili del fuoco hanno trovato anche il corpo della seconda persona dispersa, Franca Iaccino, deceduta insieme al marito, Carlo Arminise, il cui corpo è stato già ritrovato, fra le macerie della loro casa investita da una frana a Leivi.

In via Monte Gazzo una enorme massa di sassi e fango aveva completamente travolto la villetta dentro la quale si trovavano una coppia di anziani coniugi.

Frane, allagamenti, due donne di cui una incinta salvate in extremis. È il bilancio, di una notte di pioggia intensa e temporali che si sono abbattuti sul levante ligure e in particolar modo sul Tigullio. Tutto è iniziato ieri sera, poco dopo le 22 quando un violento nubifragio si è abbattuto su Chiavari. Alle 22,30 il torrente Entella, lo Sturla e il rio Rupinario esondano quasi in contemporanea a Carasco e Chiavari. Frane si sono verificate in tutto il territorio, una di queste ha interrotto la ferrovia tra Chiavari e Zoagli. A Chiavari una decina di persone è stata salvata dai sommozzatori dei vigili del fuoco che con speciali gommoni da rafting hanno passato al setaccio le vie del centro di Chiavari invaso delle acque dei torrenti esondati. Poco dopo la mezzanotte una frana si è abbattuta su una palazzina a Carasco: i vigili del fuoco troveranno, dopo due ore di angoscia, due donne date per disperse, una delle quali incinta: stanno bene, ma sono sotto choc. All'alba la situazione è ancora critica nel chiavarese dove sono caduti oltre 200 mm di pioggia.

Stadio allagato. L'alluvione che si è abbattuta su Chiavari ha creato grandissimi problemi anche allo stadio comunale dove gioca l'Entella. Già cominciati i lavori per ripulire impianto e campo, anche grazie a volontari che sono stati ringraziati dalla società con una nota sul sito.

Chiavari dopo aver contato le sue vittime e i danni si presenta con le strade sgombre da fango e macerie. «È stato fatto un gran lavoro -dichiara il sindaco Roberto Levaggi - abbiamo distribuito pale a 150 volontari, e almeno altri 300 cittadini sono scesi in strada a lavorare, insieme all'Esercito, che è intervenuto immediatamente. Siamo soddisfatti del lavoro e della solidarietà che abbiamo ricevuto. Alle 7.30 qui c'erano già il presidente della Regione Claudio Burlando e l'assessore alla Protezione Civile Raffaella Paita. Ci hanno fatto avere le pale, le pompe idrovore e tutto il materiale che abbiamo chiesto». Il fango e i detriti dell'alluvione sono stato spazzati e depositati in cassonetti posti in vari punti della città. Dell'alluvione rimangono i segni in numerosi negozi del centro storico, che hanno perso la merce, soprattutto quella posta negli scaffali più bassi. L'acqua è tornata nelle case, ma per sapere se è potabile bisogna attendere i risultati delle analisi che saranno resi noti domani in mattinata. Per ora può essere usata con sicurezza solo se bollita. La corrente elettrica è tornata in gran parte della città, tranne nei quartieri serviti da due centraline che sono state sommerse dall'acqua e al momento sono in riparazione.

Sono in corso i lavori per ripristinare la linea ferroviaria nel Levante di Genova, chiusa a causa di una frana tra Zoagli e Chiavari. «Lella abbiamo bisogno di mezzi meccanici per sgomberare le strade e di autobotti: - chiede un abitante delle zone colpite sulla pagina facebook dell'assessore - centinaia di persone sono senza acqua potabile da ieri sera». Circa 70 militari dell'Esercito, con veicoli e mezzi speciali, contribuiscono ai soccorsi della popolazione colpita dall'alluvione in Liguria: 40 militari del I reggimento artiglieria terrestre della brigata Taurinense sono partiti da Fossano (Cuneo) alla volta di Chiavari. Altri assetti, in tutto circa una trentina di militari, del 32° reggimento Genio di Torino, raggiungeranno la Liguria con mezzi speciali, ruspe e idrovore. Nel frattempo però il servizio idrico è ripreso.

La macchina dei soccorsi. Sono circa 200 i vigili del fuoco con 65 mezzi che sono al lavoro nel Levante genovese nelle aree di Lavagna, Chiavari, Carasco e lungo la valle del fiume Entella.

Sciacalli. Una decina di pattuglie di carabinieri del battaglione Liguria, con personale territoriale stanno pressando le case evacuate e i negozi alluvionati del centro di Chiavari per evitare azioni di ladri o sciacalli.

Sulla linea Genova-La Spezia dalle 5.15 è ripresa la circolazione su un binario, a senso unico alternato, con riduzione di velocità precauzionale tra Rapallo e Chiavari. La circolazione era stata interrotta nella notte . È in corso la riprogrammazione dell'offerta commerciale del trasporto regionale che prevede cancellazioni e limitazioni di percorso. Attivato un servizio sostitutivo con bus. San Colombano, Leivi, Cherasco, Mezzanego e Borzonasca sono i centri della Val Fontanabuona più devastati dal nubifragio che si è abbattuto sul Levante genovese questa notte. A San Colombano è esondato il torrente Lavagna e sono esplosi rivi e canaletti, allagando il paese. Frane, smottamenti e fango rendono difficile la circolazione in parte della Fontanabuona.

Allerta in Liguria prorogata. Per le previsioni meteo che comprendono ancora piogge diffuse e persistenti e di forte intensità, la Protezione Civile della regione Liguria ha prorogato fino alle 15 di domani in Liguria lo stato di Allerta 2.

Nuova piena del Po. Mentre nel Delta, tra Emilia e Veneto, si va esaurendo la piena del Po, col ritorno sotto le soglie di criticità, come annunciato ieri una nuova piena si svilupperà dalla sera lungo l'asta del fiume sia nel tratto piemontese che in quello emiliano-lombardo. L'agenzia interregionale Aipo, sulle attuali previsioni meteo, stima che la piena si attesterà nelle prossime 24 ore su livelli di criticità ordinaria ma potrebbe superare quello di criticità moderata nel tratto mediano.

Allerta piena in Emilia Romagna. Sul bacino del fiume Taro, in previsione di significativi innalzamenti dei suoi livelli, la Protezione civile dell'Emilia-Romagna ha attivato alle 5 la fase di allarme per piena, per il comune di Parma e, nella provincia, Collecchio, Fontanellato, Fontevivo, Fornovo, Medesano, Noceto, Roccabianca, S.Secondo, Sissa e Trecasali.

In Toscana. È morta ieri sera all'ospedale di Pisa, a causa di un malore, la donna di 62 anni che la scorsa settimana era rimasta bloccata per due giorni nella propria abitazione a Carrara, insieme all'anziana madre (88 anni) e due cagnolini, dopo il crollo dell'argine del fiume Carrione: le due erano state poi tratte in salvo dopo l'allarme dato dal padrone di casa. Soccorse dai Vigili del fuoco, madre e figlia erano state poi trasportate al pronto soccorso di Carrara. Le condizioni della 62enne sono però peggiorate, tanto che la donna è stata trasferita all'ospedale di Pisa. Da quanto emerso la causa del decesso sarebbe da attribuire a un'aneurisma cerebrale.

Carrara. Nelle strade di Marina di Carrara più vicine al fiume Carrione, ieri sera polizia municipale, carabinieri e protezione civile sono passati 'porta a porta' per avvertire la popolazione dell'ordine di evacuazione. La protezione civile ha allestito 200 posti letto a Carrarafiere ma il piano prevedeva anche la disponibilità di posti in alcuni alberghi. Nella provincia di Massa e Carrara oggi le scuole resteranno chiuse. Sono oltre 500 complessivamente gli interventi eseguiti dai vigili del fuoco per l'alluvione nella provincia.

A Pisa si sono allagati i seminterrati della Facoltà di Ingegneria. La città è divisa fra le proteste contro il sindaco, accusato di non aver garantito la sicurezza dei cittadini, e i tavoli tecnici per affrontare un'altra eventuale tracimazione.

Scuole chiuse in Versilia. A causa dell'allerta meteo, oggi le scuole a Viareggio resteranno chiuse. Anche nelle altre località della Versilia i sindaci hanno emesso ordinanza di chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Liguria. Per la previsione di piogge diffuse e persistenti e di forte intensità è stata prorogata fino alle 23.59 di oggi: stato di Allerta 2, il più alto. Sono esclusi i Bacini Marittimi di Ponente, da Imperia a Noli, dove è comunque prorogato lo stato di Allerta 1 fino alle 23.59. Lo riferisce in una nota la Protezione Civile della Liguria. Scuole chiuse oggi anche a Genova.

Nel Lazio. «Dopo il violento nubifragio che ha colpito ieri il litorale a nord della regione Lazio, in particolare nel Comune di Cerveteri, sono molte le squadre di volontari di Protezione civile, per oltre 40 interventi effettuati in poche ore, entrate in azione con le motopompe per rimuovere l'acqua dalle zone colpite dagli allagamenti. In particolare sono dieci le organizzazioni intervenute immediatamente per svolgere operazioni di prosciugamento di cantine, dei piani interrati e seminterrati di alcune abitazioni e la rimozione di rami sulle strade del litorale.

La furia del maltempo ha attaccato senza preavviso. Disagi e allagamenti ieri a Ladispoli, sommersa in numerosi punti della città. Protezione civile, polizia locale e vigili del fuoco in azione a via Firenze, via Flavia e via Odescalchi dove sono saltati anche i tombini. Allagamenti a Palo, nella zona sud mentre si sono aperte anche voragini sull’asfalto soprattutto nei quartiere Cerreto e Campo Sportivo. Segnalazioni sulla via Aurelia. Completamente sott’acqua Campo di Mare, frazione cerveterana. In via Trevignano abitanti bloccati nelle loro abitazioni. Una cinquantina di chiamate per protezione civile e polizia locale. Via Navigatori degli Etruschi è impraticabile.

In Piemonte esonda il Lago Maggiore. È ancora allerta maltempo sul Piemonte, con moderata criticità in provincia di Alessandria per il rischio di piene improvvise, locali dissesti e situazioni alluvionali. Scuole ancora chiuse a Gavi e Stazzano, nell'Alessandrino, sono segnalati disagi alla circolazione anche in provincia di Verbania, dove il lago Maggiore è esondato. A causa delle piogge delle ultime ore, le sue acque sono salite di 5,5 metri e hanno invaso la passeggiata di fronte al Municipio. Al momento i disagi sono limitati, ma continua a piovere e nelle prossime ore il livello del lago potrebbe salire ancora.

Anche il Lago d'Orta, dopo il Maggiore, è esondato ad Omegna a causa delle abbondanti piogge che stanno interessando la provincia di Verbania. Allagata la zona dei parcheggi pubblici e la piazza davanti l'ospedale Madonna del Popolo. Resta critica la situazione in valle Strona, dove la provinciale è chiusa per il rischio frane. Per limitare i disagi alla circolazione, oggi e domani le scuole della valle sono state chiuse.

Allerta meteo in Sardegna. La Sardegna è battuta da forti venti da Sud-Sud-Ovest e da intensi temporali su Cagliari, Campidano, Oristanese e Ogliastra. Piove anche ad Olbia. A Cagliari le intense raffiche di vento di libeccio hanno provocato la caduta di cartelloni pubblicitari e rami in viale Marconi, strada ad alta densità di traffico che collega il capoluogo ai centri dell'hinterland. I vigili del fuoco hanno lavorato per rendere sicura la carreggiata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA