Cremona, malato di playstation a 15 anni: il tribunale lo toglie alla famiglia

È affetto da una grave dipendenza dai videogiochi. Per questo il ragazzo, su decisione del Tribunale dei minori è stato allontanato dalla famiglia e affidato ad una comunità di tutela. La vicenda, che si svolge nel Cremonese - come riportano alcuni quotidiani - va avanti da diversi anni e riguarda una famiglia da tempo seguita dai servizi sociali: genitori separati, mamma con problemi di droga e giudiziari, figlia scappata di casa col fidanzato e in passato, a sua volta, affidata a una comunità. Da questa situazione è emersa la condizione del figlio, ora quindicenne, con difficoltà nell'apprendimento, schiavo della Playstation e pertanto vittima di una dipendenza da videogiochi da cui non riesce a liberarsi. Da qui la decisione dei giudici di affidarlo a una comunità.
Mercoledì 11 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 12-07-2018 14:15

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-07-12 09:29:30
Ma agli zingari gli assistenti sociali perché non gli tolgono i figli ?
2018-07-11 22:51:48
L'hanno portato in un complesso con altri tragazzi e lĂ  hanno slot machines ove farsi le ossa...
2018-07-11 17:51:27
Fate l'amore non fate i figli
2018-07-11 15:16:13
se aveva la xbox non sarebbe successo. ma un successone.
2018-07-11 13:42:37
Vorrei vedere adottare questi provvedimenti anche ai genitori rom., i cui figli fanno di peggio e che fanno di peggio ai figli. A quando?
10
  • 1,3 mila
QUICKMAP