Malaria, a contagiare la piccola Sofia potrebbe essere stato un ago pungidito

Lunedì 11 Settembre 2017
5

Un ago pungidito, di quelli che si usano per misurare la glicemia, ma anche per verificare la presenza della malaria: potrebbe essere stata questa la fonte del contagio di Sofia, la bimba trentina di quattro anni morta di malaria a Brescia il 4 settembre, dopo dei ricoveri a Portogruaro (Venezia) e a Trento. E il luogo di tale contagio potrebbe essere stato l'ospedale di Trento.

L'ipotesi dell'ago pungidito, cioè di uno specifico mezzo con cui alla piccola sarebbe stata passata la malaria per un errore avvenuto nella struttura sanitaria, viene formulata dal dottor Walter Pasini, direttore del Centro di Travel Medicine and Global Health. Gli aghi che si usano per controllare i diabetici sono infatti dello stesso tipo di quelli che servono per la goccia spessa, esame utile a diagnosticare la malaria.

«Sembra assumere sempre maggior corpo nella vicenda di Trento - sostiene il medico - quella che sin dall'inizio appariva l'ipotesi più probabile, cioè che la povera bambina abbia contratto l'infezione nel periodo dal 16 al 20 agosto, dal sangue infetto per un errore umano, quando era ricoverata in un reparto pediatrico che ospitava due bambine africane ammalate di malaria» a Trento. «Probabilmente l'ago infetto che ha trasmesso il protozoo della malaria - ipotizza - è stato quello pungidito sul polpastrello della mano. Sarebbe servito - spiega - per il controllo della glicemia della bambina affetta da diabete. L'ipotesi che una zanzara Anophele, di cui peraltro non risultano tracce nelle trappole dell'ospedale, possa avere punto una delle due africane e poi la piccola appare inverosimile, così come le altre formulate all'inizio».

Il medico evidenzia poi in generale «il tema delle infezioni intraospedaliere: la più frequente e grave complicanza dell'assistenza sanitaria e componente importante della nocività dell'ospedale». Nell'inchiesta aperta contro ignoti dalla Procura di Trento per omicidio colposo non viene però scartata alcuna ipotesi, dal contagio ospedaliero a quello di zanzare da bagaglio, fino a quella remota di una zanzara autoctona inspiegabilmente in grado di trasmettere la malattia. I carabinieri del Nas, che lavorano all'indagine, intendono anche passare al vaglio tutti i casi di malaria registrati in Italia negli ultimi due mesi, ascoltando direttamente i pazienti.

La ricerca delle cause della morte della piccola è però solo un capitolo di questa vicenda, con esiti che richiederanno giorni o settimane per arrivare, mentre per la famiglia l'attesa è per i funerali e la richiesta è di abbassare i riflettori. «Chiediamo, in questo momento di indicibile dolore, a tutti gli organi di comunicazione il massimo rispetto. La prossima settimana, in un giorno ancora da individuare, si terranno i funerali, in forma strettamente riservata» fa sapere il loro avvocato, Filippo Vicentini, avvocato del foro di Verona.

Ultimo aggiornamento: 12 Settembre, 08:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma