Pordenone, maestra di arabo maltrattava i bambini: denunciata

di P.T.
I carabinieri del reparto operativo del Comando provinciale di Pordenone hanno individuato una cittadina originaria del Bangladesh di 33 anni, residente a Maniago, che aveva creato a casa sua una attività di scuola.

In questa scuola la donna insegnava i fondamenti del Corano e della lingua araba con lezioni che prevedevano l’uso quotidiano di ripetute punizioni corporali, tra cui l’utilizzo di bastoni di legno con i quali percuoteva violentemente gli alunni, tutti di nazionalità bengalese e di età compresa tra i 3 e i 10 anni.

La donna, indagata per i reati di maltrattamento di minori e di esercizio arbitrario di professione, è stata sottoposta alla misura coercitiva del divieto di espatrio e dell’obbligo della presentazione alla polizia giudiziaria, misura emessa dal Gip del Tribunale di Pordenone martedì 13 febbraio scorso.
Sabato 17 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 18-02-2018 14:20

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 31 commenti presenti
2018-02-18 12:22:49
Come divieto di espatrio? Non era meglio espatrio coaattivo?
2018-02-18 11:34:16
Grazie ai cosiddetti buonisti cattocomunisti, riusciamo a introiettare, ormai, ogni mostruosità.
2018-02-18 10:54:03
... fa parte della loro cultura... barbarica! E' questo il problema, e nessuno vuole affrontarlo!
2018-02-17 23:13:42
ma questa maestra d'arabo che insegnava a casa sua era autorizzata a fare la maestra? Lo faceva gratis o si faceva pagare in nero? Qui mi sembra che leggi e regole siano sconosciute e molti furbastri alla fine si difendono dicendo: " Ah! Non lo sapevo!"
2018-02-17 19:25:22
Individuata, indagata, divieto di espatrio. La galera, subito, proprio no? Sai che paura. Non tutti gli islamici sono jiadisti, ma tuti i kiadisti sono sicuramente musulmani
31
  • 923
QUICKMAP