Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Atti sessuali con minori: arrestato primario pediatria Flores D'Arcais

Atti sessuali con minori: arrestato primario pediatria Flores D'Arcais
1 Minuto di Lettura
Giovedì 14 Luglio 2016, 20:40 - Ultimo aggiornamento: 17 Luglio, 19:20

Visite pediatriche svolte adottando un comportamento ritenuto dagli inquirenti contrario a quello della professione medica e finalizzate, invece, ad atti di natura sessuale con piccole pazienti, sono costate al primario di pediatria dell'ospedale di Legnano (Milano) Alberto Floris D'Arcais l'arresto ai domiciliari, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Busto Arsizio (Varese).

Il medico era diventato popolare per le sue soluzioni al sovraffollamento del Pronto soccorso legnanese e sostenitore degli accessi separati per adulti e bambini alle cure di emergenza ma oggi, al termine di un'indagine dei carabinieri di Legnano, durata sei mesi, è stato accusato di atti sessuali con minorenni. L'inchiesta, coordinata dalla Procura di Busto Arsizio, è partita da una segnalazione di un altro medico. Gli investigatori, dopo aver sentito numerose persone informate sui fatti, hanno svolto le cosiddette attività tecniche e di intercettazione telefonica ed ambientale.

Nel materiale raccolto dagli inquirenti, a quanto si apprende ci sarebbero anche immagini che accerterebbero l'illecitoi comportamento del medico. In una decina di occasioni, durante le visite alle piccole pazienti (tutte bambine e pre adolescenti), il pediatra avrebbe fatto in modo di farle rimanere senza vestiti più a lungo del previsto e, sempre con la scusa di proseguire gli accertamenti medici, le avrebbe toccate nelle parti intime. Gli inquirenti decideranno se sentire le piccole vittime in audizione protetta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA