La follia del manager ignorata dai medici: «Sì al porto d’armi»

di Gianluca Lettieri e Paolo Vercesi
Voleva uccidere moglie e figlia a colpi di pistola, ma qualcosa all’ultimo momento gli ha fatto cambiare strategia. Fausto Filippone aveva forse fretta di mettere in atto il suo piano di morte e così domenica scorsa ha ammazzato la sua Marina spingendola giù dal balcone della casa di Chieti scalo e poi la piccola Ludovica, fatta precipitare dal cavalcavia “Alento” sull’A14, a Francavilla al Mare. Non era così che l’aveva pensata all’inizio. Agghiacciante il retroscena emerso dalle...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 23 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 24-05-2018 12:35

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-05-24 08:43:22
meno male che si è giustiziato da solo se tutti quelli che uccidono si uccidessero da soli sarebbe una liberazione per la società invece da noi ottengono anche programmi televisivi dopo avere inferto 59 coltellate e altri pochi anni di carcere.
QUICKMAP