Cassazione: sì allo sconto di pena se il papà
musulmano tenta di uccidere la figlia

Mercoledì 18 Dicembre 2013
La figlia, quasi maggiorenne ha violato i precetti dell'Islam, e ha avuto rapporti sessuali con il fidanzato italiano, di fede religiosa diversa dalla sua. Il padre, di fede islamica, non ci ha visto più, e ha tentato di soffocarla. Ma per la Cassazione non merita l'aggravante di aver agito per 'futili motivi'.



«Per quanto i motivi che hanno mosso l'imputato non siano assolutamente condivisibili nella moderna società occidentale - scrive la Suprema Corte nella sentenza 51059 depositata oggi - gli stessi non possono essere definiti futili, non potendosi definire né lieve né banale la spinta che ha mosso l'imputato ad agire».



Anche la circostanza che il padre dopo aver saputo del disonore che il comportamento della figlia aveva gettato sulla famiglia abbia meditato il delitto per una notte intera, è un lasso di tempo troppo breve per parlare di «premeditazione» con la relativa aggravante. Per questo gli «ermellini» hanno annullato con rinvio, limitatamente alle aggravanti della premeditazione e dei futili motivi, la condanna a sette anni di reclusione inflitti ad Hamed Ahamed dalla Corte di Appello di Milano, il 7 novembre del 2012, per il tentato omicidio della figlia commesso nel capoluogo lombardo la mattina del quatto settembre 2011 nell'abitazione familiare. Ora la Corte di Appello deve riesaminare il caso ed essere più clemente. Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre, 13:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Mattia 15 anni e un sogno Diventare arbitro di calcio

di Mimmo Ferretti