Addio a Giovanni Conso, presidente emerito della Corte Costituzionale

Lunedì 3 Agosto 2015
1
È morto stanotte a Roma Giovanni Conso, presidente emerito della Corte costituzionale. Conso era nato a Torino il 23 marzo 1922.



Professore ordinario di procedura penale, era stato nominato Giudice Costituzionale il 25 gennaio 1982. Era stato eletto presidente il 18 ottobre 1990 e aveva esercitato le funzioni fino al 3 febbraio 1991.



I funerali si terranno mercoledì 5 agosto alle ore 11, nella chiesa di Santa Maria degli Angeli a Roma. La camera ardente sarà invece domani, dalle 10.30 alle 13.30, presso il Palazzo della Consulta.



Il personaggio. Nato a Torino il 23 marzo 1922, giurista e accademico italiano, Giovanni Conso è stato ministro della Giustizia del governo Amato (12 febbraio - 28 aprile 1993) e del governo Ciampi (28 aprile 1993-16 aprile 1994), e presidente dell'Accademia dei Lincei. Nominato Giudice Costituzionale dal Presidente della Repubblica il 25 gennaio 1982 Conso ne diventa presidente il 18 ottobre 1990 fino al 3 febbraio 1991 quando cessa dalla carica per scadenza del mandato. Avvocato, professore universitario, ha insegnato procedura penale nelle facoltà di giurisprudenza delle Università di Genova, Urbino, Torino, della «Sapienza» di Roma e della Lumsa di Roma. Professore emerito di Procedura penale presso l'Università di Torino è stato membro laico del Consiglio Superiore della Magistratura dal 1976 al 1981. Durante il suo mandato come Guardasigilli, nel marzo del 1993, si aprì a Palermo l'indagine giudiziaria per associazione mafiosa nei confronti di Giulio Andreotti.
Ultimo aggiornamento: 4 Agosto, 12:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti