MIGRANTI

Il sindaco di Gallarate paga il treno ai migranti per mandarli via: scoppia la bufera

Mercoledì 21 Marzo 2018
8
Il sindaco di Gallarate che paga il biglietto del treno ad alcuni migranti a cui non è stata accettata la domanda d'asilo: è iniziata così una nuova polemica sulla gestione dei rifugiati. Una sessantina di rifugiati sono stati trasferiti ieri da un centro in chiusura a Gallarate (Varese) al centro di Bresso, nel milanese. Dodici di loro - a cui non è stata accettata la richiesta di asilo - però non erano inclusi e alla fine il sindaco Andrea Cassani ha dato loro 180 euro, quindici a testa, per comperare un biglietto di treno per Milano, mentre qualche altro soldo è arrivato loro da Kb srl, che gestiva il centro in chiusura.

La decisione ha scatenato le proteste da parte di Milano. «È una modalità allucinante. E il sistema nazionale va rifatto» ha commentato l'assessore alle politiche sociali Pierfrancesco Majorino che ha chiesto l'intervento della prefettura. Sulla questione la prefettura di Milano ha già interessato la prefettura di Varese che è competente per Gallarate.
Ultimo aggiornamento: 22 Marzo, 16:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma