Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Schettino all'Università: «Stupito da tutto questo clamore»

Schettino all'Università: «Stupito da tutto questo clamore»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Agosto 2014, 11:58 - Ultimo aggiornamento: 9 Agosto, 17:35

​Il comandante della Costa Concordia Francesco Schettino si dice dispiaciuto per tutto questo putiferio, ma non si spiega l'ondata di indignazione nata dalla sua presenza a un seminario organizzato dall'Università La Sapienza di Roma, durante il quale non c'è stata alcuna spettacolarizzazione: «io - dice - mi sono limitato a descrivere l'incidente. So veramente per filo e per segno quello che è successo».

«Non conosco il professor Vincenzo Mastronardi», dice Schettino riferendosi al docente che ha organizzato il seminario del 5 luglio al Circolo Aeronautica Casa dell'Aviatore di Roma. «La mia presenza alla Sapienza è arrivata perchè è stato l'ingegner Paduano a chiamarmi. L'ingegnere Ivan Paduano è, secondo la locandina dell'evento, il curatore della «ricostruzione dell'evento critico della Costa Concordia con l'aiuto della Grafica in 3D».

«Il professor Mastronardi - dice ancora Schettino - l'ho visto per la prima volta nell'aula alla Casa dell'Aviatore e ci siamo salutati». «Mi dispiace che si sia alzato tutto questo putiferio. Dopo la ricostruzione in 3D fatta dall'ingegner Paduano io mi sono limitato a descrivere l'incidente. Quali e perché sono state fatte delle scelte. Ho commentato la ricostruzione dell'evento rappresentato in 3D. Ho spiegato, grazie all'aiuto dell'ingegnere quello che è successo. Visto che io so veramente per filo e per segno quello che è successo il 13 gennaio del 2012». Niente spettacolarizzazione, quindi: «Certamente, risponde il comandante. E Come si spiega tanta indignazione?». «Non lo so. Credo che chi si indigna vuole allinearsi a una certa parte dell'opinione pubblica senza capire, o meglio senza conoscere quello che è successo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA