Sparatoria a Follonica, ucciso dopo una lite il titolare di un hotel. Preso il killer

Raffaele Papa (s) e Salvatore De Simone (d), rispettivamente l'uomo fermato per omicidio e la vittima della sparatoria avvenuta a Follonica (Grosseto), in due foto prese dai loro profili Facebook
1 Minuto di Lettura
Venerdì 13 Aprile 2018, 15:18 - Ultimo aggiornamento: 14 Aprile, 12:47

Un giorno di terrore a Follonica dove è un uomo ha esploso colpi di pistola al termine di una violenta lite familiare. Una persona è morta e altre due sono ferite (uno è gravissimo) in via Matteotti. I fatti si son svolti in strada davanti a un albergo della cittadina. La persona che ha sparato è stato bloccato alla periferia di Grosseto dopo una improvvisa fuga.



Si chiamava Salvatore De Simone, 42 anni, ed era titolare di un hotel, la vittima della sparatoria avvenuta oggi pomeriggio in pieno centro a Follonica (Grosseto). Sono rimasti feriti anche il fratello dell'albergatore, Massimiliano De Simone, e una farmacista di passaggio, Paola Martinozzi. Entrambi i feriti sono stati trasportati con l'elisoccorso Pegaso all'ospedale Siena: uno è in gravissime condizioni. Da quanto si apprende, il presunto omicida, arrestato dai carabinieri alle porte di Grosseto un'ora dopo la sparatoria, è un uomo di 29 anni, ristoratore della zona. Le indagini, condotte dai carabinieri, sono coordinate dal pubblico ministero della Procura di Grosseto Giampaolo Melchionna, e mirano a ricostruire i motivi della lite che sarebbe nata per questioni di vicinato. Il sindaco di Follonica, Andrea Benini, arrivato sul luogo della sparatoria, ha espresso «sgomento e incredulità», aggiungendo che «da parte della comunità tutta credo che serva una grande reazione per riaffermare i valori che ci tengono uniti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA