Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Choc a Firenze, 20enne ubriaco si punta
pistola alla testa per gioco e spara: è grave

Choc a Firenze, 20enne ubriaco si punta pistola alla testa per gioco e spara: è grave
2 Minuti di Lettura
Martedì 29 Ottobre 2013, 20:18 - Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre, 17:26
Un gioco tra ventenni ubriachi finisce in tragedia: un ragazzo si puntato una pistola alla testa e ha premuto il grilletto: in fin di vita.



ROULETTE RUSSA

Tornato a casa ubriaco dopo una notte passata a bere, avrebbe estratto una pistola iniziando a giocare alla roulette russa con un amico e si sarebbe sparato alla testa ferendosi gravemente. Questa, in attesa dei risultati degli accertamenti tecnici che arriveranno nelle prossime ore, l'ipotesi avanzata dai carabinieri che indagano sul ferimento di un ventenne albanese, avvenuto questa mattina in un appartamento di via degli Alfani a Firenze. Il giovane si trova ricoverato in coma all'ospedale fiorentino di Careggi. Quando i carabinieri sono arrivati sul posto hanno trovato il giovane riverso a terra, in stato di semi incoscienza. Accanto a lui un revolver calibro 38, rubato tre anni fa in un'abitazione del fiorentino. L'amico del ragazzo, suo connazionale, è stato rintracciato e sentito dai militari. Secondo il suo racconto, il ventenne avrebbe preso la pistola da un cassetto puntandogliela alla coscia e sparando un colpo a vuoto, poi se la sarebbe puntata alla tempia premendo il grilletto: questa volta la pistola avrebbe esploso un colpo, l'unico presente nel tamburo. Ora il giovane si trova ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Careggi in gravi condizioni. I militari che indagano sul caso lo hanno arrestato con l'accusa di detenzione illecita di arma da fuoco e ricettazione. Quando è stato esploso il colpo, nell'abitazione era presente anche una terza persona, una ragazza albanese che ha avvisato 118 e carabinieri ma che poi si è resa irreperibile.
© RIPRODUZIONE RISERVATA