Blackout in sala operatoria: parto cesareo «illuminato» dagli smartphone

Sabato 12 Aprile 2014
FIRENZE - Blackout in sala operatoria, lo scorso lunedì all'ospedale fiorentino di Careggi, nel corso di un intervento per un parto cesareo. L'interruzione di corrente è durata circa un minuto e mezzo.

Secondo quanto appreso, il gruppo elettrogeno di emergenza è rimasto spento. L'operazione è stata condotta comunque a termine e non ci sono state conseguenza per la mamma e per la sua bimba.



In base a quanto emerso, il blackout, avvenuto quando l'intervento si avviava a conclusione, ha causato lo spegnimento dei monitor con gli indicatori dei parametri vitali della paziente, che si trovava sotto anestesia generale, e ha costretto il chirurgo a suturare l'incisione facendosi luce con i flash dei cellulari di alcuni specializzandi.

Ultimo aggiornamento: 13 Aprile, 12:35

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi