Firenze, fulmine cade sugli Uffizi e fa scattare l'anticendio: fumo e paura per le opere d'arte

Giovedì 30 Novembre 2017
1
Fumo dal sottotetto degli Uffizi questa mattina intorno alle 7. Un fulmine caduto nella zona ha causato l'attivazione dell'impianto antincendio del museo all'interno di un locale destinato al restauro. L'estinguente rilasciato dal sistema antincendio è uscito in forma aeriforme all'esterno creando l'allarme. In un primo momento si era pensato ad un corto circuito, causato molto probabilmente dal lavoro dai roditori su alcuni cavi elettrici, ma dopo una serie di verifiche da parte dei vigili del fuoco questa ipotesi è risultata infondata. Il fumo che si è sprigionato nella zona del sottotetto è stato localizzato nell'area degli uffici amministrativi e del laboratorio di restauro, situati lungo via della Ninna e non nell'area museale espositiva. 

I vigili del fuoco, allertati dal personale degli Uffizi, sono immediatamente intervenuti. Dalle verifiche effettuate dai pompieri e dal personale del museo è risultata solo la presenza di fumo ma non di un incendio. La situazione, hanno spiegato i vigili del fuoco, è sotto controllo. Nessun danno è stato riscontrato.

Dopo un paio d'ore l'allarme è rientrato e alle 9,45 il museo ha riaperto al pubblico. A darne notizia il direttore della Galleria Eike Schmidt, che spiega come, dopo un attento controllo, non sia riscontrato «nessun danno alle opere, né a persone. A parte la paura iniziale, il dato che emerge da quanto è successo è che l'allarme antincendio funziona alla perfezione», ha aggiunto il direttore.
Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 12:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma