Febbre del Nilo, un altro morto a Mantova: l'epidemia si allarga

Febbre del Nilo, epidemia si allarga: nuova vittima a Mantova
2 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Agosto 2018, 18:46 - Ultimo aggiornamento: 27 Agosto, 09:58

Il virus della Febbre del Nilo 'ringrazià l'alternanza di piogge e caldo torrido, perfetto per la proliferazione delle zanzare, e continua a contagiare persone in tuta Europa, con l'Italia fra i paesi più colpiti. È di oggi la notizia di una nuova vittima del virus, una anziana morta nel mantovano, che si aggiunge alle dieci conteggiate nel bollettino ufficiale dell'Istituto Superiore di Sanità.

LEGGI ANCHE Febbre del Nilo, primi due morti in Emilia: casi anche in Friuli. Il contagio si espande
LEGGI ANCHE West Nile, a Padova la quinta vittima: paura per il virus trasmesso da un tipo di zanzara

La donna, una operaia in pensione di 77 anni, era stata ricoverata il 14 agosto scorso in preda a una febbre altissima ed è deceduta senza mai riprendere conoscenza all'ospedale Carlo Poma del capoluogo lombardo. Come succede nella totalità dei casi in cui il West Nile risulta fatale la donna soffriva di altre patologie. Il caso del mantovano va ad aggiungersi ai 255 registrati dal bollettino dell'Iss, aggiornato al 22 agosto. Il documento conferma l'annata particolarmente pesante per questo virus registrata in tutta Europa dal Centro Europeo per il Controllo delle Malattie (Ecdc), che ne attribuisce la causa appunto alle condizioni climatiche perfette per la riproduzione e la diffusione delle zanzare.

Per quanto riguarda l'Italia in tutto il 2017 erano stati registrati soltanto 55 casi e un morto, e aumenti simili si sono visti negli altri paesi. Dei casi identificati quest'anno, spiega il bollettino, «103 si sono manifestati nella forma neuro-invasiva di cui 10 deceduti (3 in Veneto, 7 in Emilia-Romagna), 112 casi come febbre confermata e 40 casi identificati in donatore di sangue». Fino a questo momento, specifica il bollettino del Centro Nazionale Sangue dell'Iss, il virus è stato trovato in campioni di animali o persone di 36 province di nord Italia e Sardegna, l'ultima delle quali, aggiunta proprio oggi dal sistema di sorveglianza, è Genova.

La più colpita come ogni anno è l'area della pianura Padana, e fra le Regioni con più casi c'è il Veneto, che oggi ha annunciato per bocca dell'assessore alla Sanità Luca Coletto l'avvio delle 'maniere fortì per contrastare gli insetti vettori. «Alla luce dell'andamento dei contagi umani del virus West Nile trasmesso dalla zanzara Culex Pipiens - ha affermato -, e delle richieste di aiuto giunte dai Comuni, che sulla base delle norme nazionali sono responsabili degli interventi, la Regione del Veneto ha deciso di passare alle maniere forti. È in corso di predisposizione un vero e proprio Piano straordinario di disinfestazione a tappeto che potrebbe prendere il via già nei primi giorni di settembre»

© RIPRODUZIONE RISERVATA