Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Farouk Kassam, pignorata la casa del bimbo rapito nel '92 e a cui fu tagliato l'orecchio

Farouk Kassam oggi e Alleghe
di Olivia Bonetti
2 Minuti di Lettura
Lunedì 2 Maggio 2016, 09:07 - Ultimo aggiornamento: 3 Maggio, 17:04

ALLEGHE - La banca pignora la casa di Alleghe a Farouk Kassam, il bimbo sequestrato in Sardegna e liberato dopo il taglio dell’orecchio nel 1992. Farouk oggi ha 36 anni: è di nazionalità belga e è nato in Canada a Vancouver, dove vive. Nonostante tutto ha sempre detto, anche di recente, che il suo cuore rimane l'Italia, dove con i famigliari possiede immobili anche nel Bellunese. Purtroppo però per la casa della famiglia Farouk, ad Alleghe, non c’è più nulla da fare. La Banca Carige spa, Cassa di risparmio di Genova, ha avviato un’esecuzione immobiliare nel 2011 per un debito di Farouk Kassam che supera i 50mila euro. Il 36enne è proprietario solo di una parte della casa: una quota pari a 9 ventesimi della nuda proprietà. Un valore di 13mila euro. Ma la banca, con gli avvocati Andrea Bach e Enrico Tiziani, ha proceduto ugualmente al pignoramento e l’8 aprile scorso in tribunale a Belluno c’è stata l’udienza di esecuzione. Il giudice Fabio Santoro ha invitato il creditore a valutare meglio l’opportunità di dare impulso alla procedura, visto l’esiguo valore della quota. Alla fine l’udienza è slittata al 24 maggio prossimo per problemi di notifica agli altri comproprietari, parenti di Farouk Kassam.

Se la banca andrà avanti, come sembra infatti, devono essere contattati per valutare la loro disponibilità di acquisto della quota del 36enne. In caso contrario il giudice metterà in vendita tutto la villa di Alleghe e la parte della quota che verrà incamerata andrà alla banca. È molto probabile che la famiglia Kassam che vive all’estero non sappia nulla del pignoramento. Sicuramente il 36enne non ne sa nulla: il procedimento infatti è andato avanti in contumacia visto il debito non saldato. La banca facendo una visura ha visto che il 36enne aveva la proprietà a Alleghe e è partita in quarta. La liberazione dell’allora bimbo Farouk avvenne in circostanze mai del tutto chiarite. Si è parlato di un riscatto (un paio di miliardi) pagato in parte da alcuni amici del padre Fateh Kassam. I genitori di Farouk erano più che benestanti, ma non certo miliardari, come si seppe poi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA