Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Esselunga, ritira il plum cake alle pesche: data di scadenza sbagliata

Ancora un dolce ritirato dall'Esselunga per data di scadenza sbagliata
di Luisa Mosello
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 30 Novembre 2016, 19:35 - Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 17:18

Un Natale più "amaro" del solito? Forse sì se comprare un dolce confezionato, per mangiarlo nei giorni di festra o magari per regalarlo alla vicina di casa, sta diventando un terno al lotto. Dopo la torta alle pere e cioccolato ritirata da Esselunga due giorni fa, ora ne spunta un'altra richiamata sempre dalla stessa catena di supermercati in tutt'Italia. E sempre per lo stesso motivo: la data di scadenza sbagliata sulle etichette delle confezioni, posticipata di un mese rispetto a quanto indicato. Come per la torta precedente anche per un Plum Cake che strizza un occhio al gusto e l'altro alla forma visto che è fatto a base di yogurt.

Si tratta di Yo cake Pesche & Amaretto, confezione da 400 grammi, lotto numero 46/2. Con data di scadenza 30/12/2016 ma che in realtà andrebbe consumata entro oggi 30 novembre 2016. Prodotto sempre dalla stessa azienda Nuova Pasticceria S.R.L. con sede in via Friuli 1 a San Giuliano Milanese in provinceia di Milano. Che interpellata la volta scorsa dal Messaggero aveva minimizzato l'accaduto affermando che si trattava di una vista per «poche confezioni, non più di 250 distribuite in tutta Italia».

 E' vero che non si sta parlando di contaminazioni con gravi danni per la salute, ma in tema di alimentazione l'attenzione e i controlli non sono mai abbastanza. Soprattutto se i destinatari di questi prodotti sono spesso i bambini. L'Esselunga, che ha dichiarato di non averli più nei suoi punti vendita. invita i consumatori che li avessero acquistati nei giorni passati a riportarli nel supermercato in cui hanno fatto la spesa. Per il rimborso o il cambio merce. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA