Teramo, dottoressa sgozzata: trovata auto con tracce di sangue

Giovedì 22 Giugno 2017

E' stato trovato suicida a Martin Sicuro il presunto killer di Ester Pasqualoni, la dottoressa di 53 anni uccisa ieri nel parcheggio dell'ospedale di Sant'Omero (Teramo).

L'auto, una Peugeot 206 bianca che alcuni avrebero visto allontanarsi dopo l'omicidio, era stata trovata proprio a Martinsicuro. All'interno dell'auto sarebbero state trovate anche tracce di sangue. La donna da tempo era vittima di stalking: veniva infastidita da un uomo, sulla cinquantina, contro il quale aveva anche presentato denuncia presso il Commissariato di Atri (Te), come ha riferito una sua amica di Roseto degli Abruzzi, l'avvocato Caterina Longo. La notizia secondo cui sarebbe stato fermato un sospetto è stata poi smentita dalle forze dell'ordine. 

L'omicidio
A notare il corpo riverso in una pozza di sangue, tra due auto parcheggiate, è stata una signora che ha lanciato l’allarme. «L’hanno ammazzata! L’hanno ammazzata!», ha urlato entrando nel Pronto soccorso. Il primo ad intervenire sul luogo è stato il medico del 118 Piergiorgio Casaccia che inizialmente non si è reso conto che quel corpo a terra fosse della collega. Era in servizio, lo hanno chiamato ed è corso. «Era sfigurata ma respirava ancora - ha raccontato Casaccia - nel giro di pochi secondi è morta. Inizialmente non mi ero accorto che si trattava di Ester». Tutto intorno c’erano evidenti segni di colluttazione. C’erano due borse a terra e il cellulare. Poi c’è stata solo disperazione e pianto. «Chi voleva il male di Ester?» ha continuato a ripetere il collega. «Una persona stupenda. Era una donna, un medico sempre disponibile, aveva aiutato tanta gente a superare il trauma della malattia. Tra le mie mani ha fatto l’ultimo respiro». Secondo gli investigatori (il pm è Davide Rosati) era perseguitata da uno stalker. Un uomo di 65 anni di Martinsicuro non riconducibile all’ambiente sanitario e che la donna aveva già denunciato due volte. Il medico da tempo aveva paura tanto che quasi mai, terminato il turno di lavoro, usciva dall’ospedale da sola. Alla macchina si faceva accompagnare sempre da qualcuno. Su Facebook aveva rimosso tutte le sue foto e pare vivesse in uno stato costante di angoscia. Era separata e aveva due figli, entrambi minorenni, e nell’ultimo periodo aveva cercato di rifarsi una vita con un nuovo compagno che però da poco era morto di infarto.

Il ricordo
«Il valore aggiunto del reparto - scrivevano di lei in una lettera aperta alcuni pazienti - competente e preparata professionalmente, sempre al passo con i tempi nelle cure innovative». I pazienti ricordano come svolgesse il proprio lavoro con abnegazione e devozione, «il tutto costellato da tanta umiltà spendendosi costantemente nell’attuare una corretta sinergia fra i vari reparti, il laboratorio analisi, la radiologia ed altri settori presenti all’interno della struttura sanitaria». Poi il ricordo dell’avvocato Caterina Longo su Facebook: «Quante volte sedute a ragionare di quell’uomo, quel maledetto che ti perseguitava e non sono riuscita a risolverti questa cosa, me lo porterò dentro tutta la vita, ti voglio bene donna amica e speciale». 

Ultimo aggiornamento: 12:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA