Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coinquilino russa troppo, scoppia una lite e muore un egiziano

Coinquilino russa troppo, scoppia una lite e muore un egiziano
1 Minuto di Lettura
Giovedì 17 Aprile 2014, 13:41 - Ultimo aggiornamento: 22:58
​Un coinquilino che russava troppo: questo il motivo di una lite scoppiata a Milano fra tre egiziani, uno dei quali morto ieri all'ospedale Niguarda. Gli altri due sono stati arrestati già ieri per rissa aggravata. Secondo quanto ricostruito finora dai carabinieri, la lite sarebbe scoppiata all'interno del loro appartamento in via Termopili 29, nella zona Nord della città, perchè uno dei tre russava troppo forte. Da questo alterco, iniziato in mattinata, è scoppiata una lite poi degenerata: Ali El Zazi, di 41 anni, è stato ferito con una coltellata al cuore ed è morto nel pomeriggio all'ospedale Niguarda; Mohamed Farrag, di 32 anni, ha subìto una grave ferita all'addome ed è stato trasportato alla clinica Città Studi, dov'è tuttora ricoverato (non sarebbe in pericolo di vita); mentre El Nakib Same, di 36 anni, è rimasto illeso. Sarebbe stato lui, secondo gli investigatori, a recuperare i due coltelli lanciati dalla finestra durante la concitazione, e lui a pulirli nel lavandino. I carabinieri sono arrivati all'appartamento attorno alle 13 dopo le chiamate dei vicini preoccupati dalle urla. Il 41enne era riverso sul divano, il ferito era disteso sul pavimento e il terzo era in cucina. Quest'ultimo è già stato accompagnato a San Vittore, il ferito è piantonato in ospedale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA