Cadavere trovato in valigia, c'è un indagato: frequentava la vittima

Giovedì 26 Luglio 2018
2
C'è un indagato per la morte di Franca Musso, la donna di 54 anni trovata morta in una valigia lo scorso novembre nelle campagne di Alice Castello (Vercelli). Si tratta di un uomo residente in provincia, che la vittima frequentava. Occultamento di cadavere l'accusa nei suoi confronti. Sono in corso ulteriori accertamenti scientifici per stabilire se la donna, scomparsa nell'ottobre 2016, sia stata uccisa.

LEGGI ANCHE Vercelli, cadavere ritrovato nella valigia: è di una donna scomparsa nell'ottobre 2016

Le indagini dovranno anche stabilire perché il cadavere della donna sia stato occultato all'interno della valigia. La scomparsa di Franca Musso, residente a Tronzano, era stata denunciata il 16 ottobre 2016 dai famigliari, che da una decina di giorni non riuscivano a mettersi in contatto con lei. La donna, dopo un rapporto burrascoso con l'ex compagno, negli ultimi anni viveva viveva da sola facendo qualche lavoro saltuario. A svelare l'identità del cadavere, trovato nello scorso novembre da alcuni cacciatori, è stata l'anatomopatologa Cristina Cattaneo, la stessa del caso di Yara Gambirasio, a cui la procura vercellese ha affidato l'autopsia. Decisiva l'individuazione di una protesi vertebrale, con sopra impresso il numero di matricola. Gli esami effettuati fino ad ora non hanno fatto emergere segni evidenti di violenza, né tantomeno ferite d'arma da fuoco.
Ultimo aggiornamento: 27 Luglio, 12:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma