Palermo, bimbo di 9 anni mutilato da petardo: l'amichetto rischia di perdere un occhio

Venerdì 1 Gennaio 2016
Palermo, bimbo di 9 anni mutilato da petardo: l'amichetto rischia di perdere un occhio

Quattro bambini tra i 5 e i 10 anni sono stati trasportati all'ospedale Civico di Palermo per gravi lesioni dopo lo scoppio di un petardo. I quattro stavano giocando con alcuni petardi in una villetta in contrada Marraffa a Misilmeri (Pa), dove stavano trascorrendo il Capodanno. L'esplosione di un petardo ha provocato ferite molto gravi soprattutto a due bambini di 9 e 10 anni, al più piccolo i medici hanno amputato la mano, il secondo rischia di perdere un occhio. Sull'incidente indagano i carabinieri che hanno fatto la segnalazione al sostituto procuratore di turno che dovrà valutare se procedere nei confronti dei genitori.

Nessun morto e 190 feriti (di cui 38 ricoverati) per i botti di Capodanno: è il bilancio del Dipartimento della Pubblica sicurezza che evidenzia «un andamento di ulteriore miglioramento rispetto ai due anni precedenti», entrambi senza vittime. L'anno scorso i feriti erano stati 253. Diciannove under 12 tra chi è rimasto ferito: i minori di età compresa tra i 13 e i 17 anni è diminuito dai 35 dello scorso anno a 19.

Nella Capitale sono 16 le persone rimaste ferite, di cui tre, i più gravi, per lesioni alle mani. In calo rispetto allo scorso anno, quando i feriti erano stati 23 e e 33 nel 2013. Secondo il bilancio fornito dalla Questura di Roma, gli episodi più gravi si sono registrati nel quartiere periferico di San Basilio dove un uomo ha riportato l'amputazione della mano destra ed un 54enne ha perso un dito della mano. Anche nel quartiere Monteverde un italiano di 51 anni ha riportato l'amputazione di un dito ed altra ferita alla mano per lo scoppio di un petardo. Non risultano minorenni tra i feriti. Ottanta pattuglie della polizia, fa sapere la Questura, hanno garantito la sicurezza dei cittadini romani sull'intero territorio della capitale con particolare attenzione alle periferie dove quest' anno non si sono registrate particolari criticità. Quasi 2 tonnellate di fuochi pirotecnici sono stati sequestrati in tutta la provincia e 25 persone sono state denunciate per attività illegali connesse alla fabbricazione di materiale pirotecnico.

A Catania un 15enne si è visto amputare tre dita della mano sinistra, un 47enne ha perso l'occhio destro mentre a un egiziano di 20 anni un petardo ha ustionato in maniera grave il piede destro. Ferito dallo scoppio dei «botti» durante i festeggiamenti per il Capodanno, un uomo di 54 anni, di Potenza, a cui è stata amputata una mano, è ricoverato in rianimazione all'ospedale San Carlo del capoluogo lucano. Secondo quanto si è appreso, l'uomo, le cui condizioni sono «critiche», ha subito lesioni molto gravi anche all'altro braccio e in altre parti del corpo. L'episodio, su cui indaga la Polizia, è avvenuto in via Lombardia, intorno alla mezzanotte. L'uomo è stato trasportato in ospedale, poco distante, da alcuni parenti. 

Ferito dallo scoppio dei «botti» durante i festeggiamenti per il Capodanno anche un uomo di 54 anni, di Potenza, a cui è stata amputata una mano, è ricoverato in rianimazione all'ospedale San Carlo del capoluogo lucano. Secondo quanto si è appreso, l'uomo, le cui condizioni sono «critiche», ha subito lesioni molto gravi anche all'altro braccio e in altre parti del corpo. L'episodio, su cui indaga la Polizia, è avvenuto in via Lombardia, intorno alla mezzanotte. 

Due feriti, di cui uno grave, il bilancio dei botti di Capodanno nel Barese. In seguito all'esplosione di un petardo, un uomo di Andria, sulla quarantina, ha perso due dita di una mano ed è stato sottoposto a intervento chirurgico nel reparto di chirurgia estetica del Policlinico di Bari dove i medici hanno tentato di salvare un altro dito della stessa mano. Sempre al Policlinico di Bari è giunto anche un minorenne con ustioni lievi alla fronte.

Pochi feriti e, almeno secondo i primi dati disponibili, nessuno grave a Milano. Il 118 ha effettuato numerosi interventi, e anche i vigili del fuoco, ma i primi per feriti lievi, i secondi per principi d'incendio che non hanno causato vittime. Nella notte milanese di passaggio al primo dell'anno non si registrano nemmeno incidenti stradali di rilievo.

È di 18 feriti a Napoli e 12 in provincia il bilancio degli incidenti a causa di fuochi d'artificio nella notte di Capodanno, tra cui tre minorenni. Il dato è in netto calo rispetto al 2014. Una sola persona - secondo il primo bilancio della Polizia - è in condizioni gravi. Si tratta di un uomo ferito a un occhio e a una gamba. Dall'ospedale di Giugliano (Napoli), dove le sue condizioni non sembravano gravi, è stato poi trasferito al 'Cardarelli' di Napoli dove è ricoverato in prognosi riservata.

Sono 17 a Salerno e provincia le persone rimaste ferite nei festeggiamenti per il Capodanno. Una di queste è ricoverata in prognosi riservata: si tratta di un 22enne di Baronissi, che ha perso la mano sinistra. A Cava dè Tirreni un 51enne è rimasto ferito a una gamba mentre in Costiera Amalfitana un 77enne ha perso due dita e la falange di un terzo dito. Dei 17 feriti, tre sono senza prognosi.  

A Como un uomo di 45 anni ha subito l'amputazione delle falangi di due dita di una mano in seguito all'esplosione di un petardo durante i festeggiamenti per l'inizio del nuovo anno. L'infortunio è avvenuto a Barni (Como): l'uomo era a casa di amici quando un petardo gli è esploso fra le mani.

 

Ultimo aggiornamento: 2 Gennaio, 14:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA