Rimini, sottrae denaro a due disabili: arrestato amministratore di sostegno

Ha sottratto a due fratelli disabili più 107mila euro, prelevati dai loro libretti postali. Per farlo, ha approfittatto del suo ruolo di amministratore di sostegno e ora è stato arrestato dai carabinieri. Ai domiciliari, un 62enne di Rimini, cugino delle vittime. E' stato accusato di peculato aggravato e falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale. I militari hanno anche proceduto al sequestro preventivo dei beni dell'indagato, come disposto dal gip su richiesta del sostituto procuratore Davide Ercolani.

L'inchiesta è partita dalla segnalazione del giudice tutelare: il magistrato aveva avvisato una «discrasia» tra quanto rilevato nei fascicoli delle procedure di amministrazione e quanto indicato dall'amministratore di sostegno dei due assistiti. I Carabinieri hanno poi accertato che il 62enne, tra il 2007 e 2016, in qualità di pubblico ufficiale nominato dal Tribunale di Rimini, avrebbe effettuato ripetuti prelievi di denaro dai libretti postali dei cugini, sottraendo più di 107mila euro e compilando anche false rendicontazioni circa i conti correnti amministrati.
Mercoledì 7 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 08-03-2018 11:43

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-03-08 05:38:47
Si dice che l'occasione fa l'uomo ladro, ma c'√® occasione e occasione... e crearsi l'occasione contro un disabile anche un mero ladro, pi√Ļ che ladro √® un infame su cui la giustizia deve colpire senza piet√†, ma... purtroppo siamo in Italia, dove troppo spesso la giustizia quella vera √® disattesa proprio da chi dovrebbe applicarla, tant'√® che l'ultima volont√† sui giudicati vuole, che per reati sotto i quattro anni di pena non si va in carcere, ma ai domiciliari. C'√® da augurarsi che al soggetto in questione diano almeno quattro anni per ognuno dei disabili vilipesi. Solo cosi sar√† resa loro giustizia!
1
  • 9
QUICKMAP