Loris è stato strangolato. Sequestrata l'auto del cacciatore

Lunedì 1 Dicembre 2014

Il piccolo Loris Stival è stato strangolato, poi gettato nel fosso dove è stato ritrovato a testa in giù a Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa. La conferma arriva dal procuratore di Ragusa, Carmelo Petralia: «Allo strangolamento è seguita una caduta da circa due metri - due metri e mezzo». Il cadavere del bimbo di 8 anni era in un canalone in cemento che scorre accanto al Mulino Vecchio.

Sull'ipotesi di una violenza sessuale mettono dei paletti il procuratore Petralia che afferma «al momento risulta infondata la presenza di segni di violenza a scopo sessuale» sul corpo del piccolo Loris e il sostituto Marco Rota che sottolinea che è stato aperto «un fascicolo a scopo cautelare e senza indagati per sequestro e omicidio». «Indaghiamo a 360 gradi, non trascuriamo nessuna ipotesi, ma ci sono delle piste privilegiate».

«La cittadinanza non deve andare alla caccia alle streghe, ma è invitata a collaborare fornendo

anche con una telefonata cui sarà garantito l'anonimato ogni indicazione che può essere rilevante per le indagini», ha affermato ancora il procuratore.

A sciogliere gli ultimi dubbi sarà l'autopsia, eseguita dal Giuseppe Iuvara. Il dato finale non è arrivato perchè il medico legale non ha ancora concluso l'esame, cominciato oggi e che proseguirà domani.

Intanto è giallo su alcune frasi che avrebbe pronunciato il padre del bimbo. «Il padre di Loris non ha mai parlato dell'omicidio di suo figlio né ha mai detto di sapere chi è stato e di volerlo uccidere. Neppure lui sa a che punto sono le indagini». E' quanto precisanono gli investigatori della squadra mobile e dei carabinieri rientrando nella caserma di Ragusa, a proposito di indiscrezioni di stampa. «È assolutamente falso - sottolineando - e domani forse sarà tutto più chiaro. Per il momento c'è il segreto istruttorio».

Un'inchiesta senza indagati, ripete la procura, anche se in la polizia ha sequestrato l'auto di Orazio Fidone, il cacciatore che ieri ha trovato il corpo di Loris. Un sequestro dovuto al fatto, dicono fonti investigative, «che l'auto del cacciatore era in zona e tutta l'area del ritrovamento è sotto sequestro». Lo stesso Fidone spiega in serata di trovarsi in questura, a Ragusa, «per collaborare alle indagini. Per questo ho messo la mia auto a disposizione degli investigatori. La mia intenzione è di chiarire tutto nel più breve tempo possibile». E aggiunge: «ho cercato il bambino in quel posto perchè pensavo che era

una zona dove nessuno sarebbe andato. La mia disponibilità a collaborare è massima». La figlia dell'uomo è infastidita dalla presenza dei cronisti che lo cercano a casa: «lasciateci in pace, non rilasciamo dichiarazioni. Mio padre non è in casa, è andato in questura solo per completare una sua dichiarazione».

In paese, tra sgomento e paura, si cerca l'eventuale colpevole. «Speriamo lo trovino in fretta e lo tolgano dalla strada...», auspica un giovane in piazza,

commentando con i coetanei le indiscrezioni. Gli investigatori si muovono con cautela. Hanno ricostruito la giornata di tutte le persone vicine alla vittima.

Dalla madre, 25 anni, ancora sotto choc, che lo ha lasciato a scuola, come dimostra anche un video di una telecamera di sicurezza di un panificio. Dopo averlo accompagnato accanto alla Falcone-Borsellino, dove frequenta la terza elementare, ha portato all'asilo l'altro figlio di 4 anni. Il padre, 29 anni, autotrasportatore, era vicino a Roma. La famiglia lo amava, è fuori da ogni indagine. Ma, spiega la polizia, «guardiamo tutto per non lasciare niente di intentato». La squadra mobile della Questura e i carabinieri sequestrano i video di negozi, scuola e banche, per cercare di vedere se in qualche immagine si vede Loris.

L'unica testimonianza in questo senso, ancora non confermata, è quella di una donna amica di famiglia che lo avrebbe visto alle 9 in paese, senza zaino. Un ovetto colore blu, con la scritta Toy Story e le cinghie gialle che non si trova. Un altro tassello che ancora manca al quadro generale. Come il percorso fatto per arrivare fino al luogo in cui il corpo è stato trovato: un canalone in cemento che parte dalla Fonte Paradiso che è in paese. Ma è un percorso impervio, che - si dice - non avrebbe potuto percorrere da solo.

Il decesso sarebbe avvenuto nella tarda mattinata: il rigor mortis registrato dai medici del 118 attestava il fine vità da diverse ore. E a procurare la morte potrebbe essere stato un volo di circa tre metri. Tutto sembra ricondurre al canalone e alla tarda mattinata. A questo riguardo l'autopsia, oltre a confermare l'ecchimosi sulla fronte già risultata ieri, e sulla cui natura non ci sono al momento certezze, avrebbe evidenziato alcuni graffi: non si sa, però, se procurati da qualcuno o dovuti alla caduta. Informata del segno sul volto, la madre di Loris avrebbe esclamato: «Chi ci ficiru o picciriddu» (che gli hanno fatto al bambino). Aggiungendo: «Fatemi vedere mio figlio, voglio vederlo al più presto».

Che il bambino possa essere arrivato al Mulino Vecchio da solo lo escludono tutti. «Era diffidente - ricostruisce la sorella nella nonna paterna - non si fidava degli estranei, non parlava con chi non conosceva perchè era molto introverso ma anche molto ma molto intelligente». Accanto al luogo del ritrovamento ai cronisti la donna rivela i suoi «tanti, tanti dubbi». «Un bimbo di otto anni non può fare - spiega - tutta questa strada da solo». E se non avesse accetto un passaggio da uno sconosciuto il pensiero va ad una persona frequentata: «Il dubbio c'è - afferma - è normale, non ne abbiamo la certezza ma il dubbio c'è. E c'è anche la speranza che presto la magistratura, polizia e carabinieri risolvano il caso».

La famiglia non parla. Chiusa nel suo dolore. La madre ha trascorso la notte dopo il ritrovamento nell'obitorio dell'ospedale di Ragusa piangendo e urlando. In lacrime è arrivata e andata via, sorretta da suo marito, dal luogo dove su figlio è stato trovato morto.

Il governatore Rosario Crocetta si dice «sgomento per il dolore, come se avessi perso un figlio, io che pure non ne ho».

La maestra di Loris Teresa Iacona è ancora «attonita» e lo ricorda come un bambino «sveglio, vivace e intelligente», così come la direttrice scolastica, Giovanna Campo. Un vicino di casa, Cristian, 18 anni, che lo conosceva dalla nascita dà voce alla paura che gira nel paese: «ci potrebbe essere un orco...».

Una tesi che il sindaco non segue: «È il momento del dolore e non delle ipotesi, il paese si stringe vicino alla famiglia», dice Franca Iurato, che annuncia il lutto cittadino il giorno dei funerali.

Intanto il paese scende in piazza con una fiaccolata e una veglia di preghiera. C'è commozione, tra le centinaia di persone che si stringono attorno a don Angelo, il parroco della chiesa di San Giovanni Battista. La gente è incredula per questa «tragedia assurda». Vuole la verità e il possibile autore della morte di Loris.

La compagna del nonno di Loris Stival è stata colta da malore mentre si trovava davanti alla caserma dei carabinieri di S.Croce di Camerina. La donna è stata soccorsa da un'ambulanza e condotta in ospedale a Ragusa.

Ultimo aggiornamento: 2 Dicembre, 08:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti