Bari, bimbo di 18 mesi ingerisce droga: grave in ospedale

Sabato 17 Dicembre 2016
3
Un bambino di 18 mesi, della provincia di Brindisi, è stato ricoverato nella notte, all'ospedale Giovanni XXIII di Bari, con gravi problemi cardiorespiratori per l'assunzione di sostanze psicotrope. Lo riferisce il direttore generale dell'azienda Policlinico, Vitangelo Dattoli, a cui fa capo l'ospedale pediatrico di via Amendola. Sulla vicenda indaga la polizia di stato di Ostuni. Una indagine sulla quale gli investigatori al momento non forniscono altri particolare poiché sono in corso attività per chiarire la dinamica dell'evento.

La procura di Brindisi ha aperto un'indagine per lesioni personali colpose per la vicenda del bimbo di 15 mesi (non 18 come si era appreso in precedenza) che avrebbe ingerito una dose di hascisc lasciata su un tavolo di casa, a Fasano, nel Brindisino. Il piccolo è ora ricoverato con prognosi riservata al Pediatrico di Bari, dopo essere stato condotto prima all'ospedale di Fasano, poi in quello di Ostuni.

Al momento dell'incidente il bimbo era in casa con il padre; la mamma, invece, era andata a fare la spesa. La polizia, intervenuta dopo la segnalazione dei sanitari, ha perquisito l'abitazione della famiglia e ha constatato che la dose di hascisc era stata acquistata per uso personale. Durante un momento di disattenzione del genitore, il piccolo avrebbe ingerito la droga lasciata incustodita su un tavolo. L'indagine è coordinata dal pm Raffaele Casto.
Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre, 12:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma