Malaria, dopo il caso Sofia ora i Nas indagano sugli spostamenti di tutti i malati in Italia

Domenica 10 Settembre 2017
3
Tutti i casi di malaria registrati in Italia negli ultimi due mesi saranno passati al vaglio dei carabinieri del Nas, che stanno indagando su come abbia contratto la malaria la bambina di trentina di quattro anni morta a Brescia il 4 settembre, senza essere stata in Paesi dove la malattia sia diffusa. Il Nas lavora nell'ambito dell'inchiesta aperta contro ignoti dalla Procura di Trento per omicidio colposo e passerà ora al vaglio non solo la storia clinica, ma anche i viaggi all'estero e gli spostamenti in Italia di tutte le persone che sono risultate avere contratto la malaria. A questo scopo, come si legge sui quotidiani locali, sentiranno ogni paziente, sia i casi semplici, che quelli più gravi.  Ultimo aggiornamento: 11 Settembre, 08:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma