Uovo lanciato dall'auto a Napoli, giovane legale ferita all'occhio

Venerdì 14 Settembre 2018 di Leandro Del Gaudio
13
Uovo lanciato dall'auto a Napoli, giovane legale ferita all'occhio
Le ha riso in faccia. Poi le ha scagliato un uovo all’altezza dell’occhio. Poteva accecarla. Brutta storia raccontata da Valeria Krogh, 32enne consulente legale, vittima dell’ultima moda notturna dei balordi cittadini.



A Napoli, come a Torino e come in altre città, a giudicare dal racconto della professionista, che - oltre ad essersi rivolta ai carabinieri di Largo Ferrantina - ha deciso di denunciare la brutta esperienza vissuta, tramite le colonne del Mattino. Sono le due e trenta di due notti fa, tra il 12 e il 13 settembre, in via Carducci. 

Fa ancora caldo e c’è ancora gente ad animare la movida di Chiaia, Valeria saluta gli amici, attraversa a piedi via Carducci per raggiungere casa. Viene affiancata da un’auto bianca, a bordo della quale viaggiano quattro parassiti. Uno di questi, seduto davanti al lato del posto guida, si rivolge a Valeria con una risata grassa e sonora. Poi le sferra un colpo. Spiega la professionista napoletana: «Ho sentito un dolore atroce. All’inizio pensavo che mi avesse sferrato un pugno all’altezza del viso, tanto era vicino, poi ho capito che si trattava di un uovo, perché ho sentito i capelli appiccicati».  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Mattia 15 anni e un sogno Diventare arbitro di calcio

di Mimmo Ferretti