Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Auto contro scooter a Campobasso, morti due gemelli di 16 anni

Auto contro scooter a Campobasso, morti due gemelli di 16 anni
2 Minuti di Lettura
Domenica 1 Marzo 2015, 11:05 - Ultimo aggiornamento: 3 Marzo, 09:40
Due fratelli gemelli di 16 anni, Giovanni e Antonello Padulo, sono morti questa notte, a Larino (Campobasso), in un incidente stradale.



I due, poco dopo la mezzanotte, stavano transitando in sella a un ciclomotore nella periferia del paese quando, nei pressi del carcere, sono rimasti coinvolti nell'incidente. Una vettura, secondo i primi accertamenti dei carabinieri, si sarebbe scontrata con lo scooter, sembrerebbe in fase di sorpasso. Uno dei ragazzi è morto sul colpo, l'altro poco dopo. Sul posto il 118 Molise.



I fratelli avevano trascorso una serata in pizzeria per passare un sabato di festa insieme agli amici. Stavano tornando a casa quando è avvenuto lo scontro con una Grande Punto che si trovava sull’altra corsia. Il giovane alla guida della Fiat, un italiano di 23 anni, è stato trasportato in ospedale, in stato di shock, per accertamenti.



Il ragazzo risiede in Basso Molise. E' stato sottoposto ad alcol-test ed altri accertamenti sanitari obbligatori per verificare la presenza nel sangue di eventuali sostanze. Il giovane sarà ascoltato dal Procuratore capo di Larino Ludovico Vaccaro entro qualche giorno nell'ambito delle indagini in corso sull'incidente mortale. Rischia l'accusa di omicidio colposo. Il comandante dei carabinieri del paese, Alessandro Dominici ha sottolineato che, in questo caso, sarà seguito l' iter previsto dalla normativa per l'omicidio colposo. Riserbo assoluto sull'esito dell'alcol test.



La madre di Antonello e Giovanni Padulo «è devastata dal dolore, ma nonostante tutto non ha avuto alcuna parola di condanna nei confronti del ragazzo che conduceva l'auto». A riferirlo è uno dei medici dell'ospedale di Termoli che ha chiamato la collega, Eva D'Attilio, ematologa, per esprimerle solidarietà. La donna conosce il conducente dell'auto; quest'ultimo conosceva i gemelli.