Arezzo, 27 bambini intossicati da monossido a una festa in parrocchia

Arezzo, 27 bambini intossicati da monossido a una festa in parrocchia
2 Minuti di Lettura
Domenica 22 Gennaio 2017, 12:45 - Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio, 18:54

Festa di compleanno nei locali della parrocchia di Sant'Andrea a Pigli, ad Arezzo. Tanti bimbi, compagni di scuola, amici, fratellini e genitori. Ma ad un certo punto, due ragazzini di undici anni e un bimbo più piccolo si sentono male. I genitori capiscono subito che qualcosa non va e chiamano il 118. È di 27 bambini intossicati da monossido di carbonio il bilancio di una festa non proprio a lieto fine, ieri in una frazione di Arezzo. I bambini, tutti tra i dieci e gli undici anni tranne uno di appena un anno e mezzo, si trovavano in una sala parrocchiale della locale chiesa dove si stava tenendo la festa di compleanno di uno di loro, riscaldata da stufe a gas.

Improvvisamente, due undicenni e il piccolo di un anno e mezzo hanno avvertito nausea e mal di testa perdendo per un attimo conoscenza. I genitori hanno chiamato subito il 118 che li ha trasportati al pronto soccorso di Arezzo. Qui i medici della pediatria si sono resi conto che la concentrazione di monossido di carbonio nell'emoglobina era alta e li hanno trasferiti immediatamente all'ospedale fiorentino di Careggi per essere curati in camera iperbarica. Nel frattempo, altri venti bambini che si trovavano alla festa sono arrivati all'ospedale di Arezzo e ricoverati in pediatria. Dopo le prime valutazioni del caso, i medici hanno deciso di sottoporli ad ossigenoterapia. Grazie al passaparola tra genitori questa mattina sono arrivati all'ospedale di Arezzo anche gli altri quattro bambini che avevano partecipato alla festa e che in realtà hanno avvertito ieri sera solo sintomi lievi.

Nella giornata, a scaglioni e dopo accurati controlli, sono stati tutti dimessi i 24 bambini, 20 arrivati nella tarda serata di ieri e 4 stamane. Restano ancora ricoverati i tre bimbi trasferiti a Firenze: tutti sono già stati sottoposti a camera iperbarica all'ospedale di Careggi, il più piccolo anche a ossigenoterapia, e poi sono stati trasferiti in serata all'ospedale pediatrico Meyer. Le loro condizioni sono buone. L'ipotesi su cui si lavora per capire quel che è accaduto durante la festa a Sant'Andrea a Pigli è che il monossido di carbonio si sia sprigionato da alcune stufe a gas utilizzate per riscaldare l'ambiente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA