Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terrorismo internazionale, pm di Bari indagano su docente italiano residente a Ferrara

Terrorismo internazionale, pm di Bari indagano su docente italiano residente a Ferrara
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 28 Marzo 2018, 22:45

C'è un docente italiano, originario di Foggia ma residente da anni a Ferrara dove insegna, tra gli indagati nell'inchiesta della Dda di Bari su una presunta cellula terroristica che ha portato ieri all'arresto del cinquantavenne Mohy Eldin Mostafa Omer Abdel Rahman, cittadino di origini egiziane, presidente dell'associazione culturale islamica Al Dawa (ora sotto sequestro). Contestualmente all'arresto dell'uomo, accusato di indottrinare al martirio anche bambini, e al sequestro di beni nei confronti di sua moglie, la 79enne Vincenza Barbarossa, gli uomini della Digos hanno eseguito perquisizioni domiciliari ad altri tre indagati:due connazionali di Abdel Rahman residenti a Foggia, e il docente italiano convertito all'islam. L'uomo, parente della moglie del cinquantanovenne, è di origini pugliesi ma risiede da molti anni a Ferrara, dove è sposato con figli e insegna in un istituto comprensorio a bambini di età compresa fra i 6 e 12 anni. Le indagini hanno rivelato contatti e frequentazioni sospette con l'associazione culturale di Foggia. Durante la perquisizione domiciliare, sono stati sequestrati diversi supporti informatici e materiali che sono attualmente al vaglio degli inquirenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA