Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

I neonati risentono
delle liti tra i genitori

I neonati risentono delle liti tra i genitori
1 Minuto di Lettura
Giovedì 2 Maggio 2013, 14:45 - Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 17:33
ROMA - Voce alta, toni alterati, tensione, e stati di agitazione. Tutto si riflette negativamente sullo sviluppo cognitivo dei neonati. A lanciare l'allarme è un ricerca di Phil Fisher e Jennifer Pfeifer
dell'Università dell'Oregon e pubblicata sulla rivista Psychological Science, secondo cui i neonati che vivono e assimilano le condizioni di conflittualità tra i genitori subiscono la litigiosità e l’irritazione anche mentre dormono.

Secondo lo studio le liti alterano l'attività del cervello del bambino e a lungo termine questo può comprometterne lo sviluppo. Le grida di mamma e papà vengono riconosciute dal bebè che risponde, a livello cerebrale, con una reazione più forte rispetto al normale. In primis, ad essere compressa, è la qualità del sonno.

Ad avere invece una sorta di sussulto, sono le aree neurali legate alla regolazione delle emozioni e dello stress. Mai pensare che si è liberi di dare sfogo alla propria impulsività di fronte ad un bambino, anche se neonato. Certo, non comprende il significato delle conversazioni, ma di sicuro ne percepisce i toni e la qualità.
© RIPRODUZIONE RISERVATA