Zaia: «Salvini e Giorgetti? Le due componenti della Lega possono coesistere»

Zaia: «Salvini e Giorgetti? Le due componenti della Lega possono coesistere»
di Gianluca De Rossi
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Settembre 2021, 18:44 - Ultimo aggiornamento: 19:01

Matteo Salvini non solo non fa più caso agli avversari ma dai loro attacchi, dice lui, ne trae addirittura forza, tanto da affermare che «avere tanti avversari ti galvanizza - dice il leader della Lega -; ogni tanto è impegnativo, ma ho spalle larghe». E puntualizza: «Quando ti massacrano da tutte le parti sul nulla - dice ancora Salvini a Torino, a un evento elettorale con Paolo Damilano e il sindaco di Genova Marco Doria -, qualcuno si deprimerebbe, io no, traggo più forza da questi attacchi e sono convinto che se ci attaccano tutti a reti unificate è perché siamo quel granello di sabbia che farà saltare l'ingranaggio che gli altri vorrebbero andasse avanti così. Quindi se certa gente mi attacca vuol dire che sto facendo bene il mio lavoro quindi vado avanti».

Ma se gli "attacchi" a Matteo Salvini non arrivano solo dall'esterno, allora che si fa? Luca Zaia, governatore del Veneto, la pensa così: all'interno della Lega «le due componenti penso che ci stiano, che possano coesistere perché ci sono sempre state. Una volta - ha proseguito Zaia a margine dell'assemblea degli Industriali di Vicenza - si diceva "Lega di lotta e Lega dei tombini". È giusto che ci sia un dibattito, e in questo non ci vedo due "Leghe". È vero invece che poi alla fine la sintesi si fa sempre con i governatori: il documento dei cinque punti sul Covid è una pietra miliare di quella che è la Lega del fare».

Ma Salvini, anche su questo, ha la battuta pronta: «Le uniche correnti che mi preoccupano sono le correnti d'aria».

 

Salvini attacca Draghi: «Tutta Europa riparte e noi no. Se chiedi il green pass devi riaprire tutto»

Matteo Salvini: «Le elezioni non cambieranno le gerarchie nel centrodestra»

 

Salvini e Giorgetti

Luca Zaia è entrato nel dettaglio sulle diverse posizioni all'interno della Lega tra Salvini e Giorgetti«Si vola sempre con due ali, con un'ala sola si precipita. La Lega è una - ha ribadito il governatore del Veneto -. Come diceva Carducci parlando di sua mamma in un compito alle elementari scrisse "mia madre è mia madre punto e basta", la Lega è la Lega punto e basta. Tra Giorgetti e Salvini non c'è nessun divario, un grande partito ha dibattiti al suo interno ma la Lega è una sola, nasce come unica ed indivisibile».

 

Zaia: la Lega a votato a favore del Green pass

«Capisco che siamo in periodo elettorale, e quindi c'è molto dibattito - dice ancora Zaia -, però è pur vero che nel documento "dei cinque punti" si parla di Green pass, si riconosce la validità del Green pass esteso a determinate categorie, non 'coram populo', ma per mettere in sicurezza determinate attività sociali, come del resto è avvenuto. Voglio ricordare poi che la Lega non ha votato contro in Consiglio dei ministri».

 

 

 

 

Il Veneto e l'autonomia

Sull'autonomia per il Veneto «abbiamo due riunioni importanti - afferma Luza Zaia -, in Regione questo fine settimana, poi la prossima settimana penso di essere a Roma, perché si sta lavorando per una bozza di legge quadro da portare avanti entro fine anno».

 

Zaia: «Di Morisi non parlo, vicenda personale»

«Su Morisi non faccio nessuna dichiarazione - dice il governatore del Veneto -, perché una vicenda personale, e posso fregiarmi del fatto che delle vicende personali non ho mai parlato in vita mia. Inoltre dai giornali si capisce che è una vicenda in evoluzione, per cui a me sembra assurdo qualsiasi commento».

 

gianluca.derossi@ilmessaggero.it

 

 

 

 

Video

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA