GOVERNO

Vito Crimi: «Non ci sono alternative a Conte, nessuna paura delle elezioni»

Sabato 15 Febbraio 2020
Vito Crimi: «Non ci sono alternative a Conte, nessuna paura delle elezioni»

«Adesso non ci sono alternative al governo Conte», dice il capo politico del M5S Vito Crimi a “L’Intervista di Maria Latellasu Sky TG24. «Questa non è una crisi ma è solo qualcuno che provoca. Non abbiamo apura delle elezioni, siamo pronti ad andare al voto. Stiamo in questo Governo se facciamo le cose. Se possiamo fare le cose andiamo avanti, se questo governo non può fare quello che si è prefisso allora nessuno vuole tirare a campare».

Vitalizi, Crimi: "M5s in piazza per dire stop a un odioso privilegio"

La discussione sulla prescrizione, è convinto Crimi, non farà cadere il governo. «In questo momento abbiamo la riforma del processo penale che in passato ha fatto più paura, creando spesso crisi di governo.  È un grande passo avanti, malgrado Italia Viva non si sia seduta al tavolo per discutere».

Nomine?  «Non sono nella testa degli esponenti di Italia Viva, ma è possibile che queste tensioni dipendano dalle nomine. Noi non cediamo a questa modalità». Nessuna nostalgia della Lega, «in questo momento stiamo bene con il Partito Democratico. Il PD si è aperto ad alcune dinamiche di approccio diverso, ad esempio nella scelta dei candidati e nelle nomine».

​Lite nel Movimento 5 Stelle sul palco di domani

Ma se in Campania il candidato sarà Vincenzo De Luca «mi sembra quasi scontato che andremo da soli». E le Sardine? «Noi e la Sardine siamo due cose diverse. Il M5S è nato in un momento in cui il bipolarismo aveva evidenziato tutte le sue criticità ed è nato come antisistema e post-ideologico. Non si collocava né da una parte né dell’altra. Loro hanno scelto di collocarsi in una posizione ideologicamente determinata. Sono collocati con qualcuno e contro qualcun altro». Braccia aperte per Di Battista, «credo che sia un risorsa fondamentale per il Movimento e per il Paese»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani