Vitalizi, nuova sforbiciata
della Regione Basilicata

Martedì 30 Luglio 2019
La sede della Regione Basilicata
Il Consiglio regionale della Basilicata ha approvato  all'unanimità una proposta di legge di iniziativa dei consiglieri
Coviello (Lega), Quarto ( Basilicata positiva), Leggieri (M5s) e Cifarelli (Pd) riguardante la «Rideterminazione degli assegni vitalizi». Il provvedimento prevede la rideterminazione degli importi degli assegni vitalizi agli ex consiglieri regionali e degli assegni di reversibilità con il sistema contributivo a partire dal 1 gennaio 2020 e la rivalutazione automatica annuale in base all'indice Istat di variazione dei prezzi al consumo. I criteri ed i parametri per la
rideterminazione dei vitalizi sono stati definiti dalla Conferenza Stato - Regioni. Per i 77 vitalizi e i 24 assegni di reversibilità attualmente erogati, con il ricalcolo determinato dall'applicazione della proposta di legge, si prevede un risparmio di circa 13 mila euro al mese (da 283 mila a circa 270 mila euro mensili).

In Basilicata con la legge regionale n. 24/2011 l'assegno vitalizio è stato abolito a partire dalla decima legislatura
(2014). «Di conseguenza  - ha sottolineato il consigliere  e presidente della I Commissione Pasquale Cariello illustrando la proposta di legge - le disposizioni riguardano i consiglieri che hanno maturato questo beneficio nelle precedenti legislature. Con la legge regionale n. 10/2017 inoltre, il Consiglio regionale aveva già previsto una
riduzione temporanea degli assegni vitalizi e delle reversibilità a decorrere dal 1° luglio 2017 e fino al 29 febbraio 2020.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani