COVID

Covid Veneto, Luca Zaia: «Rt sensibilmente calato, meno pressione sulle terapie intensive»

Venerdì 20 Novembre 2020
Covid Veneto, Luca Zaia: «Rt sensibilmente calato, meno pressione sulle terapie intensive»

Covid, Luca Zaia vedo uno spiraglio di luce. «Per i numeri, per la sensazione e il clima di gestione che abbiamo, per noi non è cambiato nulla rispetto all'altro venerdì. Dai calcoli nostri, il nostro Rt è sensibilmente calato», dice il presidente del Veneto. «C'è una sostanziale tenuta sulle terapie intensive - aggiunge - qualche criticità nel Veronese. Il trend non è di forte crescita, ma di crescita leggera, con giorni come oggi negativi. Le criticità toccano soprattutto i ricoveri ordinari, non più le terapie intensive. Questo vale anche e soprattutto per la gestione degli 8.000 pazienti non Covid. Nelle intensive c'è un innalzamento dell'età media, e ci fa pensare che la durata sarà più importante, questo dato - ha concluso - non permette turnover più rapidi». 

Covid, in Veneto altri 52 morti. Zaia: «Zona arancione dietro l'angolo, nel weekend fate attenzione»

Covid Veneto, Luca Zaia: «Terapie intensive come il 19 marzo, ordinanza anti-assembramenti»

«Dei 3.007 medici di base in Veneto, 1.618 fanno i tamponi. Quindi non era un'eresia pensare che si potesse fare un percorso con loro - spiega il governatore - Sembrava quasi blasfemo ma oggi il 59% del medici di famiglia fa tamponi, e ne fa 2.319 al giorno. Abbiamo stanziato fondi per dare 100 mila tamponi ai medici di base fino a dicembre, poi però non abbiamo forze per andare avanti a 18 euro a tampone», ha concluso.

Video

«Io personalmente il vaccino lo faccio. Ma voglio sottolineare che non è obbligatorio: però si deve lasciare la libertà di farlo a chi vuole - dice rivolto ai negazionisti - io rispetto la libertà di pensiero, ma ho l'impressione che non si sia valutato l'aspetto della tutela a livello mondiale. Immaginate domani un mondo con il vaccino: alla fine avremo un passaporto sanitario per il vaccino. Finirà così perché, oggi si chiede il test e domani chiederanno il vaccino. La comunità internazionale si tutelerà in questo modo: il vaccino diventerà un elemento dell'anagrafe sanitaria di ognuno di noi».

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA