Valle D'Aosta zona arancione apre i ristoranti, Tar dà torto al governo

Valle D'Aosta zona arancione apre i ristoranti, Tar dà torto al governo
3 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Dicembre 2020, 14:27 - Ultimo aggiornamento: 15:44

Il Tar della Valle d' Aosta ha respinto la richiesta di sospensiva del Governo contro l'ordinanza con cui la Regione Valle d' Aosta ha riaperto mercoledì bar e ristoranti, in deroga alla zona arancione in cui si trova ancora. La pronuncia con decreto cautelare del presidente del tribunale amministrativo Silvia La Guardia è arrivata oggi. L'ordinanza 552 dell'11 dicembre 2020, autorizzata da una legge del Consiglio regionale il 2 dicembre, dispone che le attività possono rimanere aperte dalle 5 alle 18, solo con servizio al tavolo.

Covid, Valle d'Aosta apre a ciaspolate e scialpinismo. E punta a diventare zona gialla

«Valle d'Aosta zona gialla». Da domani per legge riaperti bar, ristoranti e impianti sportivi

Dato che il passaggio della Valle d' Aosta in zona gialla è atteso a breve, «l'ordinanza - si legge nel decreto cautelare del Tar della Valle d' Aosta - è destinata a spiegare effetti solo nelle giornate di domani e dopo domani». Inoltre «il provvedimento è attuativo di una legge regionale in ordine alla quale il governo non ha ancora deliberato l'impugnativa». In questo senso, scrive il presidente del tribunale amministrativo regionale, Silvia La Guardia, «in caso di ricorso alla Corte costituzionale è possibile il rimedio cautelare in quella sede atteso che l'ordinanza impugnata prescrive limitazioni più stringenti della normativa, verosimilmente di dubbia costituzionalità, di fatto in vigore nella regione». Secondo il magistrato c'è «il rischio che la sospensione dell'ordinanza ripristini la più ampia e liberale disciplina dettata» dalla legge e che «un'eccessiva instabilità di disposizioni in ordine a minute attività di bar e ristoranti cagionerebbe non solo negli esercenti, ma anche nella cittadinanza, situazioni di crescente sconcerto e disordine nelle quotidiane attività per un periodo brevissimo«. Per questo »non ci sono i presupposti per la tutela cautelare urgente». L'udienza in camera di consiglio è fissata per il prossimo 18 gennaio.

«Credo che la decisione di non applicare la sospensiva sia quanto mai opportuna e permetta di non creare vuoti nelle norme da applicare». Così il presidente della Regione Valle d'Aosta, Erik Lavevaz, commenta la decisione del Tar di respingere la richiesta di sospensiva del Governo contro la sua ordinanza di riapertura di bar e ristoranti. «Ora aspettiamo di capire - prosegue - cosa il Governo deciderà nelle prossime ore per il periodo delle feste».

Intanto, dopo alcune settimane di ininterrotta riduzione, il numero di contagiati da Covid in Valle d'Aosta torna a crescere, seppur di sole 5 unità. I nuovi positivi (24) superano infatti i guariti (16) e si registrano tre nuovi decessi. Complessivamente i positivi sono ora 500. Secondo il Bollettino di aggiornamento diffuso dalla Regione le persone sottoposte a tampone sono state 100. I ricoverati sono 70, di cui 35 all'Ospedale regionale Parini di Aosta, 30 nella clinica Isav di Saint-Pierre e 5 nell'ospedale da campo dell'Esercito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA