Turismo, pacchetti Covid-free per salvare la stagione estiva: «Rendiamo immuni le isole»

Turismo, pacchetti Covid-free per salvare la stagione estiva: «Rendiamo immuni le isole»
di Cristiana Mangani
4 Minuti di Lettura
Sabato 20 Febbraio 2021, 07:06 - Ultimo aggiornamento: 09:04

Portare in Italia più stranieri possibile. Ma anche consentire ai cittadini del Belpaese di tornare a viaggiare, naturalmente nel rispetto delle regole anti Covid. Cosa si potrà fare realmente lo sapremo solo nei prossimi mesi, ma intanto, gli operatori di uno dei settori che incide maggiormente sul Pil, stanno cominciando ad accendere i motori. «Bisogna migliorare la quota di mercato dell'Italia nel mondo - dichiara il neo ministro del Turismo Massimo Garavaglia - e portare più stranieri possibili in Italia. Dobbiamo uscire con una voce sola: l'Italia nel mondo».
LA RIUNIONE
Il piano va tutto studiato e, infatti, già dalla prossima settimana il responsabile del dicastero incontrerà la Conferenza delle Regioni e l'Anci per spingere il brand, «cosa che - a suo dire - finora è stata fatta in maniera confusa».

Turismo e Covid, la crisi non passa: fuori dal tunnel solo nel 2022


Nel frattempo, operatori del settore e amministratori locali si stanno muovendo per tentare di arrivare all'estate Covid free. «Ho proposto al presidente della regione Sicilia Musumeci - spiega Francesco Forgione, sindaco di Favignana ed ex presidente della Commissione nazionale antimafia - di vaccinare totalmente la popolazione delle nostre tre isole (Favignana, Levanzo e Marettimo) per proporle come isole Covid free sul modello che si sta sperimentando in Grecia. L'anno scorso - sottolinea il primo cittadino - abbiamo avuto un boom di presenze e vogliamo mettere in sicurezza la popolazione e gli operatori impegnati nel settore e garantire chi ci visita. Ovviamente stiamo anche pensando a eventi, mostre e festival, che tengano comunque conto dell'evoluzione della pandemia».

FdI: «Subito indennizzi per operatori economici della montagna»


Ha cominciato la Grecia che, dopo aver proposto in sede europea l'utilizzo del passaporto vaccinale, e dopo un accordo bilaterale in questo senso con Israele in attesa delle decisioni della Ue, ha sviluppato un piano per le isole: far avanzare la campagna vaccinale con più rapidità nei territori più piccoli o comunque in quelli già meno colpiti dalla pandemia, in modo da ottenere in tempi rapidi isole completamente libere dal virus. Alcune di queste sono già pronte, con cittadini e stranieri residenti tutti vaccinati: Meganisi, Kalamos e Kastos sul Mar Ionio e Ikaria nell'Egeo. E anche un'isola decisamente più grande come Rodi è a buon punto.
L'Inghilterra, molto avanti con l'immunizzazione, sta sollecitando i suoi cittadini affinché tornino a viaggiare. E altrettanto si sta cercando di fare in Italia. «Dal mese di aprile - anticipa il presidente della Fiavet, Ivana Jelinic - verranno riattivati i voli Roma-New York con Alitalia e Roma-Atlanta con Delta airlines, per riportare nel nostro paese il bacino di turisti americani. Sono già in corso delle trattative. E altrettanto si sta cercando di fare con l'Egitto, in particolare con Sharm el Sheik, meta molto frequentata dagli italiani».

 


TEST RAPIDI
Anche il Gruppo Alpitour sta avviando vacanze Covid-tested. Corridoi sicuri verso le Canarie. Sulla scia dell'iniziativa avviata a novembre da Neos, la compagnia aerea del Gruppo, verranno eseguiti test rapidi in fase di check-in (a partire da marzo), così come era avvenuto per il volo Milano-Nanchino. Due le misure straordinarie comprese nella quota del pacchetto per le isole spagnole: un'agevolazione per effettuare il tampone molecolare prima della partenza dall'Italia e un secondo test gestito direttamente dal Gruppo, sia economicamente sia operativamente, realizzato agli ospiti in resort prima del rientro. In questo modo, i viaggiatori saranno rassicurati dalla propria e altrui negatività.

Sci, rivolta contro chiusure. «Dieci miliardi di danni». Garavaglia: colpa del governo

Covid, turisti americani vaccinati tornano a prenotare tour in Sicilia: gruppi over 60 in arrivo a primavera

Riapertura piste sci, in Abruzzo +40% di prenotazioni (ma è incubo ritorno in zona arancione)
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA